FFS collabora con ÖBB per il traffico notturno

ATS

19.8.2019 - 15:13

Le FFS e le Ferrovie austriache (ÖBB) hanno deciso di rafforzare la loro collaborazione, anche nel traffico notturno.
Source: KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

Le FFS e le Ferrovie austriache (ÖBB) hanno deciso di rafforzare la loro collaborazione nel traffico viaggiatori internazionale, ampliando fra l'altro l'offerta nei collegamenti notturni.

Per far fronte agli sviluppi del traffico internazionale, FFS e ÖBB consolidano la cooperazione sia per quel che riguarda i collegamenti diurni che notturni, si legge in un comunicato odierno delle Ferrovie elvetiche.

Il potenziamento dell'offerta dell'EuroCity (EC) tra Zurigo–Bregenz e Monaco di Baviera, che da dicembre 2020 sarà estesa a sei treni al giorno in entrambe le direzioni, è già stato concordato ed è in preparazione.

Per il traffico notturno, i collegamenti esistenti tra Zurigo–Basilea e Berlino, nonché Amburgo, sarà valutato un ampliamento a causa dell'impennata della domanda. In valutazione anche un potenziamento della Zurigo-Praga, in collaborazione con le Ferrovie ceche (CD). In cantiere c'è anche l'integrazione nella rete comune «Nightjet» di altre città europee, che sarebbero così collegate alla Svizzera.

Grazie ai «Nightjet», le ÖBB sono il principale offerente nel traffico notturno europeo e nel quadro dell'attuale collaborazione hanno notevolmente contribuito al mantenimento di questi convogli in partenza dalla Svizzera.

La domanda di collegamenti rapidi diurni che di treni notturni è in aumento. «Parto dal presupposto che si tratti di un andamento durevole e che la domanda di soluzioni di mobilità sostenibili e a basso consumo di risorse continuerà ad aumentare, soprattutto da parte della clientela più giovane», ha affermato il CEO delle FFS Andreas Meyer, citato nella nota.

Già oggi, grazie all'offerta di treni notturni verso Amburgo, Berlino, Vienna, Graz, Budapest, Praga e Zagabria, Zurigo è il secondo hub per importanza nel traffico notturno europeo. Solo a Vienna arrivano e partono più convogli.

Tornare alla home page

ATS