Quali misure chiedono ora gli esperti per la Svizzera?

Di Uz Rieger

20.11.2021

In Germania, il 2G è già una realtà in alcuni luoghi: ingresso in un ristorante ad Amburgo.
In Germania, il 2G è già una realtà in alcuni luoghi: ingresso in un ristorante ad Amburgo.
KEYSTONE

Il numero di casi di Covid in Europa centrale è in rapido aumento. L'Austria sta reagendo con misure più severe: da lunedì ci sarà un nuovo lockdown generalizzato. La Germania, paese dove sono soprattutto i ricercatori ad aver consigliato misure più stringenti, segue a ruota: in alcuni Lander si chiuderà di nuovo. E la Svizzera?

Di Uz Rieger

20.11.2021

L'Austria ha reagito all'aumento del numero di casi con un drastico inasprimento delle misure: da lunedì, il paese a noi vicino ha instaurato un lockdown per tutti e non solo per i non vaccinati, come ha fatto all'inizio della settimana.

E in Germania, dove l'incidenza di sette giorni è stata recentemente simile a quella della Svizzera, sono già in discussione regole simili a quelle dell'Austria.

Anche nel nostro Paese il numero di casi è aumentato in modo significativo: gli ultimi dati dicono che tra giovedì e venerdì si sono registrati 6.169 nuove infezioni da Covid-19 (a titolo di paragone venerdì 12 novembre erano 3.922). Sono inoltre stati segnalati 15 nuovi decessi e altre 64 persone sono state ricoverate in ospedale.

Scarso risultato della settimana di vaccinazione

La settimana di vaccinazione nazionale, che si è conclusa domenica scorsa, il 14 novembre, non servirà molto per contrastare il numero crescente di casi. Le aspettative per la campagna erano piuttosto basse fin dall'inizio. Il consigliere federale Alain Berset, per esempio, non ha voluto fissare un valore obiettivo per definire un «successo» la settimana di vaccinazione. 

Ha invece dichiarato: «Ogni vaccinazione conta». E in effetti, la campagna ha aumentato solo moderatamente il tasso di immunizzazione in generale: anche se le ultime cifre dell'UFSP di lunedì mostrano che il tasso di vaccinazione è raddoppiato durante la settimana speciale, è perché già prima era a un livello relativamente basso.

Secondo l'agenzia di stampa Keystone-SDA, tale tasso è tornato al livello di metà ottobre. La percentuale della popolazione che ha ricevuto almeno una dose è aumentata dello 0,32%, ossia dal 66,43% al 66,75%.

I booster non risolveranno il problema acuto

Ora, le vaccinazioni di richiamo per tutti devono essere introdotte il più presto possibile, idealmente ancora quest'anno, secondo il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) Christoph Berger espressosi sulla «Sonntagszeitung» lo scorso fine settimana. Gli esperti però sanno bene che la vaccinazione di richiamo non avrà un effetto immediato nella situazione attuale.

«L'uso del richiamo non può - e questo va detto chiaramente - rallentare sufficientemente l'attuale rapido aumento del numero di casi», ha detto per esempio il medico cantonale di Basilea Thomas Steffen a «20 Minuten». In questo contesto, il capo della task force Tanja Stadler mette anche in guardia contro un nuovo sovraccarico degli ospedali. «L'inverno sarà sicuramente difficile», ha detto l'esperta in biostatistica dell'ETH alla «SonntagsZeitung».

Con le vaccinazioni aggiuntive dalla settimana di vaccinazione, fino a 500 ricoveri potrebbero essere evitati, ha detto Stadler. Tuttavia, con ancora un milione di persone in Svizzera che hanno diritto alla vaccinazione, ma non sono ancora immuni, questo è decisamente troppo poco: «Dobbiamo fare i conti con 30.000 ospedalizzazioni se continuiamo come prima».

Vaccinare rapidamente o prendere misure forti

Da un punto di vista scientifico, è chiaro: «O si vaccina molto e molto in fretta o sono necessarie misure forti per rallentare la circolazione del virus. Altrimenti, il sistema sanitario sarà di nuovo sotto pressione, il che si tradurrà in perdite di qualità per tutti i pazienti», dice Stadler.

Ecco perché i politici non potranno evitare di «pensare seriamente a un nuovo pacchetto di misure» nelle prossime settimane. La capa della task force spera che una combinazione di misure già conosciute come mascherine, regole d'igiene, certificati, potenziamenti e chiusure mirate potrebbe essere sufficiente per evitare chiusure su larga scala.

In concreto, un'estensione dell'obbligo di certificato al posto di lavoro, per esempio, è concepibile, come già avviene all'estero. L'obbligo di indossare una mascherina potrebbe anche essere introdotto negli eventi accessibili con il certificato.

«Il 2G non porta fuori dalla zona problematica»

Per quanto riguarda l'introduzione della cosiddetta regola del «2G», secondo la quale solo le persone vaccinate e guarite, ma non quelle testate, possono accedere a certe aree, Stadler non vede solo vantaggi. Avrebbe un effetto smorzante se meno persone partecipassero agli eventi, ma c'è da temere che gli incontri si sposterebbero di nuovo nella sfera privata e che più infezioni sarebbero allora possibili su scala ridotta.

Oltre a ciò, verrebbero eseguiti meno test, il che significa che non avremmo più la stessa visione d'insieme del corso della pandemia. Stadler è certo che in ogni caso «il boosting o la regola del 2G da solo non ci porterà fuori dalla zona problematica questo inverno».

Inoltre, soprattutto con la regola del 2G, sembra che ci sia poca volontà politica di introdurlo comunque. Solo la settimana scorsa, Alain Berset ha detto che non si aspettava che questa misura diventasse necessaria per la Svizzera. Anche il medico cantonale Steffen lo considera «poco probabile» a breve termine, come ha detto a «20 Minuten».

Secondo lui, le mascherine obbligatorie nei luoghi di lavoro e nelle scuole o le restrizioni sul numero di persone agli eventi sono opzioni possibili. Tuttavia, «i riadattamenti mirati dovrebbero iniziare il più presto possibile».

Da parte sua il medico cantonale di Zugo Rudolf Hauri ha detto a «20 Minuten» che il telelavoro  è un'altra opzione attuale, mentre l'epidemiologo Marcel Salathé ha invitato ancora una volta a concentrarsi sui «fattori importanti» in «Schweiz am Wochenende»: più vaccinazioni iniziali e richiami rapidi.

Probabilmente nessun irrigidimento prima del voto

Alla luce del forte aumento del numero di casi e dell'inasprimento delle misure nei paesi vicini, nonché delle richieste della comunità scientifica, il Consiglio federale avrà probabilmente ampie discussioni questa settimana su possibili ulteriori misure.

Tuttavia, gli osservatori non si aspettano alcun passo importante in questa direzione prima del voto sulla legge Covid il 28 novembre, anche per non dare agli oppositori della legge più munizioni.

È quindi possibile che il Consiglio federale, oltre a prendere misure rapide, possa effettivamente tornare sulla propria campagna di vaccinazione e soddisfare così la richiesta di Salathé. Lo storico della medicina Flurin Condrau non vede in Svizzera uno scetticismo vaccinale storicamente così pronunciato da spiegare l'attuale «grande ritardo vaccinale», come ha detto alla NZZ.

Errori nella campagna di vaccinazione?

Secondo un articolo della rivista «Republik», le ragioni principali del basso tasso di vaccinazione, attualmente di poco inferiore al 65%, sono la mancanza di un chiaro obiettivo di vaccinazione, i problemi logistici, la mancanza di pubblicità per la vaccinazione, le dispute sul denaro, la mancanza di risposte da parte dello Stato agli oppositori della vaccinazione e la confusione federalista.

O come ha detto il medico cantonale Hauri alla rivista: «Non sono un avversario del federalismo, ma ci sono punti che dovremmo mettere in discussione. Dobbiamo ridefinire la cooperazione tra il governo federale e i cantoni. E perché la cooperazione sia utile, è necessario che ci sia un organismo nazionale sopra le parti responsabile in una tale crisi».

Poiché l'installazione di un tale organismo potrebbe richiedere troppo tempo, la scienziata della comunicazione Suzanne Suggs dell'Università di Lugano raccomanda nelle pagine di «Republik» una campagna di vaccinazione emotivamente attraente. Le persone dovrebbero essere prese sul serio, avere obiettivi chiari, essere attivamente informate e l'accesso alla vaccinazione dovrebbe essere reso il più facile possibile.