Governo

La stampa è divisa sugli eletti in Governo: dal «bel regalo» alla «brutta sorpresa»

ro, ats

8.12.2022 - 10:10

L'elezione di Elisabeth Baume-Schneider in Consiglio federale costituisce una sorpresa, secondo alcuni media positiva, secondo altri negativa. Soprattutto in Romandia la vittoria della giurassiana viene festeggiata.

Elisabeth Baume-Schneider e Albert Roesti, mercoledì visibilmente felici dopo essere stati eletti in Consiglio federale.
Elisabeth Baume-Schneider e Albert Roesti, mercoledì visibilmente felici dopo essere stati eletti in Consiglio federale.
KEYSTONE

ro, ats

8.12.2022 - 10:10

«24 Heures» sottolinea la personalità di Baume-Schneider, ma anche di Albert Rösti: «In un esecutivo dalle interazioni spesso tese negli ultimi tempi, non c'è dubbio che la personalità dei due nuovi eletti sarà importante».

«Le Nouvelliste» parla di «sorpresa a nome di tutti i piccoli», «a cominciare dal Giura». La nuova ministra incarna «numerose minoranze: le donne, la sinistra, la Svizzera romanda, le regioni periferiche e l'agricoltura».

L'elezione di Elisabeth Baume Schneider onora il Giura, «ora definitivamente svizzero», si legge invece sul «Quotidien jurassien». «Le Temps» parla invece della più grande sorpresa politica degli ultimi 20 anni.

Per «Le Temps» tuttavia, questa elezione solleva domande e preoccupazioni sul corretto funzionamento del sistema.

Anche «La Tribune de Genève» concorda nel sottolineare le questioni emerse con l’elezione: la sovrarappresentazione dei latini e l'assenza delle grandi città dal governo. Per «Le Temps», la scomparsa dei consiglieri federali urbani è «una questione che deve essere discussa».

Voci molto critiche nella Svizzera tedesca

Diverse le voci di una parte della stampa svizzerotedesca. Secondo il «Tages-Anzeiger» quella di ieri «non è una buona giornata per la Svizzera». Elisabeth Baume-Schneider e Albert Rösti sono qualificati, ma «la Svizzera tedesca urbana non è più rappresentata» in governo.

«Mai nella storia» la Svizzera tedesca, che rappresenta il 70% della popolazione del Paese. Grandi città come Basilea e Zurigo, definite «veri motori del progresso del Paese», non saranno più rappresentate.

Il portale di lingua tedesca «Watson» denuncia da parte sua una composizione «estremamente unilaterale» del Consiglio federale. La Svizzera tedesca a est di Berna non è più rappresentata, se non dalla sangallese Karin Keller-Sutter, fatto che crea un «danno irreparabile». Basilesi e zurighesi hanno tutte le ragioni di essere furiosi.

La «Basler Zeitung» parla dal canto suo di «vittoria della Svizzera rurale sulle città». La «NZZ» sottolinea invece che ora la nuova ministra giurassiana dovrà dimostrare di essere «più che semplicemente gentile e terre à terre».

ro, ats