L'epidemiologo sulla strategia del Governo

«I test a pagamento non sono una cura miracolosa»

Di Gil Bieler

12.8.2021

Il consigliere federale Alain Berset mercoledì a Berna poco prima della conferenza stampa sulle ultime decisioni del Covid.
KEYSTONE

L'epidemiologo Marcel Tanner pensa che il Consiglio federale abbia ragione a fare pressione sui non vaccinati durante la pandemia. Tuttavia, un tasso di vaccinazione più alto non può essere raggiunto solo con il denaro.

Di Gil Bieler

12.8.2021

Il Consiglio federale avvia la fase di normalizzazione, anche se la dinamica della pandemia è tutt'altro che buona. Una scommessa pericolosa?

No, non è una scommessa pericolosa. Il Governo deve dare una prospettiva di normalizzazione alla popolazione. Anche se c'è la complicazione con la variante Delta più contagiosa, abbiamo una situazione diversa rispetto a un anno fa. Metà della popolazione è stata completamente vaccinata, e ci sono test antigenici rapidi. Questo permette di restituire parte della responsabilità ai cittadini e alle imprese. È un passo importante. 

Il consigliere federale Alain Berset ha detto mercoledì: «Tutti coloro che dovevano essere vaccinati avrebbero già avuto l'opportunità di esserlo. Tuttavia, le misure anti-Covid rimangono valide».

La normalizzazione non significa che tutto debba essere abbandonato. Il governo, mi sembra, è ben consapevole di questa responsabilità, proprio a causa della variante Delta. Ecco perché misure come le mascherine obbligatorie nei trasporti pubblici o al chiuso rimarranno in vigore per il momento, e le scuole saranno incoraggiate a condurre regolarmente test. I bimbi sotto i 12 anni non possono essere vaccinati, ma possono essere infettati. Pertanto, i test rimangono uno strumento importante per individuare i focolai d'infezione. La Confederazione e i cantoni devono continuare a monitorare dove si verificano le infezioni per poter intervenire in tempo. Così, il pacchetto ha perfettamente senso.

Marcel Tanner
Marcel Tanner è un epidemiologo ed ex membro della task force scientifica federale Covid 19
zVg

Marcel Tanner è un epidemiologo ed ex membro della task force scientifica Covid-19 della Confederazione.

Sembrano molto fiduciosi. Ma i vaccini sono meno efficaci contro la variante Delta.

Non è del tutto vero, bisogna fare attenzione: la protezione contro l'infezione è più debole, tra il 60 e l'80%. Ma la protezione contro le malattie è efficace anche con la Delta. Lo si può vedere nel numero di ricoveri. Inoltre, coloro che sono vaccinati hanno una carica virale molto più bassa. Questo significa che se vengo infettati si liberano dei virus in due o tre giorni. Per le persone non vaccinate, questo processo dura una settimana. Quindi anche voi state dando un contributo alla società.

Il tasso di copertura vaccinale della popolazione svizzera è poco meno del 50%, una cifra bassa rispetto ad altri paesi europei. Sta diventando un problema?

Finché lo si guarda come un processo, non è un problema. È tipico per una campagna di vaccinazione raggiungere un altopiano dopo un boom iniziale. Ma se si raggiungono altri gruppi di popolazione, le cose cominciano anche a riprendersi. Spero che questo si realizzi anche in Svizzera. Forse perché molti stanno tornando dalle vacanze e si stanno vaccinando. Il Governo e i cantoni devono rendere disponibile la vaccinazione e garantire che tutti coloro che vogliono essere vaccinati ne abbiano la possibilità. Sono necessarie offerte a bassa soglia, in modo che la gente possa passare senza dover prendere un appuntamento. Ci dovrebbe essere anche un altro sforzo speciale per le persone a rischio. Nel Regno Unito, per esempio, i medici di base hanno contattato direttamente i loro pazienti, e questo ha fatto molta differenza.

Per convincere i non vaccinati, il Consiglio federale si affida agli incentivi finanziari: i test dovrebbero ora costare qualcosa. È sufficiente?

Non credo che questo debba essere visto come uno stimolo alla vaccinazione. Sarebbe troppo semplice. Se si devono pagare i test, non è una cura miracolosa per una maggiore disponibilità a immunizzarsi. Ciò di cui c'è bisogno sono messaggi che sono specificamente adattati ai singoli gruppi target. Comunicazione reale invece di propaganda. Il fatto che i test diventeranno esigibili solo dal 1° ottobre è certamente la strategia giusta in questa fase. Se il sistema fosse cambiato da un giorno all'altro, si perderebbe la cognizione di ciò che succede.

Come facciamo a far scendere di nuovo il numero di infezioni?

Possiamo raggiungere questo obiettivo se, in primo luogo, per il momento manteniamo le misure esistenti. Secondariamente, dobbiamo aderirvi con coerenza. Se si va a una riunione con 30 partecipanti, allora l'idea sarebbe quella di testarsi prima, per esempio, e andare solo se si è negativi. Ma questo non è il compito della Confederazione, per questo abbiamo bisogno di buon senso. Se la Confederazione dice che stiamo entrando in una nuova fase della pandemia, allora è anche logico che le responsabilità siano ridistribuite.