Il primario albanese del Triemlispital fa appello alla diaspora

uri

27.8.2021

Immagine simbolica: i medici curano un paziente Covid: al momento, molte persone ricoverate sono rientrate da viaggi dal sud-est Europa.
Immagine simbolica: i medici curano un paziente Covid: al momento, molte persone ricoverate sono rientrate da viaggi dal sud-est Europa.
KEYSTONE /archivio

Molti dei pazienti malati di Covid attualmente ricoverati sono rientrati dai Balcani. Il cardiochirurgo dell'ospedale della città di Zurigo Omer Dzemali è albanese di nascita e si affida all'informazione e alla persuasione per combattere lo scetticismo sulle vaccinazioni della sua comunità d'origine.

uri

27.8.2021

In molti ospedali svizzeri le unità di terapia intensiva sono di nuovo minacciate dal sovraffollamento a causa dei pazienti Covid ricoverati. E come la Task force della Confederazione ha annunciato questa settimana, ciò è dovuto, non da ultimo, alle molte persone che hanno recentemente contratto la malattia nei Balcani: «Più di un terzo dei ricoverati ha dichiarato come luogo di residenza al momento del possibile contagio un paese dell'Europa sudorientale», si legge nell'attuale «Aggiornamento scientifico» del 24 agosto.

Anche il primario di cardiochirurgia dell'ospedale cittadino di Zurigo Triemli Omer Dzemali è preoccupato per il numero crescente di casi di Covid e per i numerosi letti di terapia intensiva occupati. C'è il rischio di sovraccaricare i reparti di cure intense, teme l'albanese, nato in Macedonia del Nord, che si è espresso sul «Tages-Anzeiger».

Nell'intervista, Dzemali spiega che nota anche che al momento «ci sono relativamente molte persone di origine albanese al Triemli che sono appena tornate dalle loro vacanze». Ha un chiaro appello ai pazienti in questione: «Penso che sia irresponsabile non farsi vaccinare. Come medico, non vedo ragioni per non farsi vaccinare».

Meno vaccino fornito

Tuttavia, Dezamali chiarisce anche nel giornale che lo scetticismo vaccinale non esiste solo tra gli albanesi, ma è «purtroppo abbastanza diffuso». Anche in Svizzera, il tasso di vaccinazione è «ancora troppo basso», dice.

Secondo l'esperto, il tasso di vaccinazione è così basso in alcuni paesi dell'Europa sud-orientale perché i paesi dell'Europa occidentale non forniscono i vaccini in tempo.

Un'eccezione è la Serbia, che è stata rapidamente rifornita da Cina e Russia. Nella Macedonia settentrionale e nel Kosovo, che sono fortemente orientati verso i paesi dell'Europa occidentale, i vaccini mRNA di Biontech/Pfizer e Moderna non sono ancora disponibili.

Scetticismo tecnologico e teorie del complotto

Attualmente ci sono così tante infezioni perché le vaccinazioni sono in ritardo. E di conseguenza, ci sono molte infezioni durante le visite, spiega Dzemali. La ragione dello scetticismo sulle vaccinazioni nelle regioni e nei paesi dell'Europa sud-orientale sono le teorie di cospirazione - come quella secondo la quale con il vaccino viene impiantato un microchip - o i dubbi generali sulle nuove tecnologie di immunizzazione.

Secondo Dzemali, le giuste informazioni e la persuasione sono necessarie per contrastare questo fenomeno. Quando la comunità albanese gli chiede la sua opinione sulle vaccinazioni, risponde: «I miei figli sono vaccinati, io sono vaccinato, mia moglie è vaccinata. Questo è il mio atteggiamento».

Sottolinea poi le possibili gravi conseguenze del Covid rispetto ai pochi, e spesso banali, effetti collaterali della vaccinazione. «Così sono stato in grado di sbarazzarmi rapidamente dello scetticismo della gente e si sono vaccinati», termina Dzemali.