Obbligo Home Office addio

«Il datore di lavoro non deve informarsi sulla vaccinazione Covid»

Di Lia Pescatore

25.6.2021

La vaccinazione Covid non è raccomandata per le donne incinte in Svizzera. Per le persone particolarmente vulnerabili come lei, dovrebbe essere possibile continuare a lavorare in un ufficio a domicilio, le associazioni dei dipendenti sono esigenti.
La vaccinazione Covid non è raccomandata per le donne incinte in Svizzera. Per le persone particolarmente vulnerabili come lei, dovrebbe essere possibile continuare a lavorare in un ufficio a domicilio, le associazioni dei dipendenti sono esigenti.
Keystone/Gaetan Bally

Dalla prossima settimana non ci sarà più l'obbligo dell'Home Office e anche l'obbligo generale di indossare la mascherina sul posto di lavoro sarà abbandonato. Questo piace all'associazione dei datori di lavoro, ma i dipendenti hanno delle riserve.

Di Lia Pescatore

25.6.2021

Da lunedì puoi tornare in ufficio: da sabato in poi, infatti, non è più in vigore l'obbligo dell'home office. Mercoledì, durante la conferenza stampa, il Consiglio federale ha annunciato la revoca dell'obbligo generale della mascherina sul posto di lavoro. Spetta ora al datore di lavoro decidere dove è opportuno indossarla. E il rientro in presenza non sarà più legato all'obbligo di sottoporsi ai test Covid-19.

L'associazione dei datori di lavoro saluta l'annunciata apertura in un comunicato stampa come «attesa da tempo». Da mesi l'associazione insiste per poter riportare al lavoro i dipendenti. Anche l'abolizione dell'obbligo della mascherina è «logico». «I datori di lavoro possono occuparsi di questa responsabilità», afferma l'associazione.

Unia: il cambiamento corrisponde alla logica giuridica

Per Unia la modifica operata dal Consiglio federale corrisponde alla logica giuridica. «Il datore di lavoro è legalmente responsabile della protezione della salute dei suoi dipendenti», afferma il portavoce dei media Serge Gnos interpellato da «blue News». Ha quindi senso che il datore di lavoro possa decidere, a seconda della situazione, se una mascherina è appropriata o meno.

Gnos sottolinea tuttavia come una distinzione tra vaccinati e non vaccinati non è possibile sul posto di lavoro. «Come la questione della gravidanza, la questione della vaccinazione Covid da parte del datore di lavoro è tabù», dice Gnos. Il concetto di protezione deve valere per tutti, ma è giustificato lasciare lavorare da casa le persone particolarmente vulnerabili.

Una perplessità

L'associazione «Dipendenti Svizzera» vede l'allentamento in modo più critico. La revoca simultanea dell'obbligo della mascherina e dell'obbligo del test è rischioso, soprattutto per le persone particolarmente a rischio, scrive in una nota.

L'associazione invita quindi i datori di lavoro a continuare a consentire ai propri dipendenti di lavorare da casa e di testare volontariamente i propri dipendenti in loco su base regolare, nonostante l'esenzione dall'obbligo di test.

San Gallo, insegnanti senza mascherina

Anche nelle scuole l'obbligo della mascherina non è più richiesto per alcuni alunni: al livello secondario, i bambini non devono più indossarle. Ma i docenti compariranno davanti alle classi senza protezione? Il Canton San Gallo è stato il primo a trarre conclusioni dopo la decisione del Consiglio federale: gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie non devono più indossare la mascherina, come riporta il Tagblatt di San Gallo.

Le attività sportive e culturali, come l'allenamento in palestra o le prove del coro, possono essere svolte anche senza mascherina, a condizione che vengano raccolti i dati di tutti i partecipanti. E questo sia dentro che fuori.

In Ticino, siccome le scuole dell'obbligo sono finite venerdì scorso, il problema non si pone.

Gli organizzatori sono concilianti

Nei locali notturni e durante gli eventi, invece, le mascherine all'interno sono ancora obbligatorie e non è consentito ballare se non è richiesto il certificato Covid all'ingresso.

Tuttavia, l'associazione «Commissione dei Bar e dei Club» (CSBS) è favorevole alle misure. Dal punto di vista degli organizzatori, sarebbe stato ideale organizzare anche eventi di danza con capacità limitata, requisiti di maschera e tracciamento dei contatti senza un certificato, afferma il portavoce dei media Alexander Bücheli.

Tuttavia, l'estate non è la stagione dei club, gli eventi si svolgono principalmente all'aperto. Si accetta l'idea di usare il certificato, «ma solo come fase transitoria, perché è tutt'altro che normale».