Il giorno in cui Internet è arrivato in Svizzera

Di Roger Baur

16.9.2021

25 anni fa, oggi, The Blue Window è andato online.
25 anni fa, oggi, The Blue Window era per la prima volta online.
KEYSTONE

Quando è iniziata l'avanzata trionfale di Internet? In Svizzera, lo si può dire con precisione: il 16 settembre 1996. E per questo c'è una semplice ragione.

Di Roger Baur

16.9.2021

Era un lunedì cupo. E anche un po' freddino: le temperature con difficoltà sono salite sopra i 10 gradi. A essere onesti, un giorno di settembre da dimenticare. In realtà, però, questo giorno in Svizzera è passato alla storia di Internet. Perché è stato il giorno zero dell'Internet ampiamente accessibile. È stato, insomma, il giorno in cui la rete è passata dai nerd al grande pubblico.

La navigazione sul web era un lusso

Perché il 16 settembre 1996 Internet è diventato facile e accessibile. Per capirlo, bisogna prima sapere com'era la situazione di allora. Fino a quel momento, il «world-wide-web», il cosiddetto «www», era un lusso che si potevano permettere soprattutto i freaks e le aziende. La tariffa oraria, da 5 a 10 franchi, e il canone mensile aggiuntivo dai 40 a 100 franchi, non erano nemmeno il problema maggiore.

Era il mezzo online svizzero più utilizzato fino al 1996: il criptico Videotex.
Era il media online svizzero più utilizzato fino al 1996: il criptico Videotex.
Roger Baur

La connessione telefonica, allora ancora indispensabile per l'accesso, era molto più costosa. Ed era pesante: nonostante una riduzione dei prezzi nell'estate del 1996, una chiamata a lunga distanza - cioè una connessione al di fuori della propria zona di prefisso - costava 12,5 centesimi al minuto (dalle 17.00 alle 19.00 e dalle 21.00) o 25 centesimi al minuto (negli altri orari). 

Navigare in rete per un'ora al giorno poteva costare più di 500 franchi al mese. Ciò in particolare per i residenti in campagna, poiché molti fornitori di Internet offrivano numeri di accesso solo nelle grandi città.

Sondaggio
Da quando conosci «The Blue Window», «Bluewin» o «blue News»?

The Blue Window porta Internet a basso costo

La situazione cambiò bruscamente il 16 settembre 1996, quando «The Blue Window» aprì le sue porte. «The Blue Window» era una filiale di Telecom PTT, il predecessore dell'attuale Swisscom, in collaborazione con un'altra società e con delle case editrici svizzere.

La particolarità era che The Blue Window offriva l'accesso a internet in tutta la Svizzera alla tariffa telefonica locale, cioè, per 3,3 centesimi sulla tariffa bassa e 6,6 centesimi sulla tariffa alta. Inoltre, c'era una quota di base mensile relativamente bassa di 25 franchi, che includeva 20 ore di navigazione senza costi aggiuntivi.

Ma non era tutto. Perché installare l'accesso a Internet era tutt'altro che facile fino al settembre 1996. Diversi programmi, distribuiti su ancora più dischetti, dovevano essere installati e in parte collegati tra loro. The Blue Window ha consegnato tutto questo in un solo CD: un solo «click» è stato sufficiente per installare tutti i programmi necessari. A parte il prezzo basso, questo ha reso Internet per la prima volta adatto anche agli anziani.

L'effetto è stato anche statisticamente quantificabile: nella primavera del 1997, l'Ufficio federale di statistica ha misurato per la prima volta quanti svizzeri avevano un collegamento a Internet ed è risultato poco meno del 7%. Un anno dopo, una persona su sei navigava sul web, e nel 2000 una su tre. Il resto è storia.

Configurare l'accesso a Internet non è mai stato così facile: lo starter kit di The Blue Windows
Configurare l'accesso a Internet non è mai stato così facile: lo starter kit di The Blue Windows
Roger Baur

Da quel giorno in poi, la velocità è aumentata in modo permanente, mentre il prezzo è sceso costantemente: solo tre anni dopo, quasi nessuno pagava ancora una tassa di base per l'accesso via modem telefonico.

Fornitori come Swisscom con Freeway o Sunrise con Freesurf hanno dominato il mercato. E quando, a partire dal 2000, le connessioni a banda larga sono state successivamente introdotte sul mercato con l'ADSL attraverso la rete telefonica e l'«Internet via cavo» attraverso la vecchia rete via cavo della TV, il web è stato definitivamente inarrestabile.

Con l'avanzata trionfante di Internet, anche tutti questi servizi online che erano all'avanguardia fino all'estate del 1996 sono scomparsi. Videotex, ad esempio, che ha raggiunto - al suo apice - 100.000 utenti svizzeri nel mercato regionale dei freaks e delle caselle di posta BBS collegate in rete tra loro, o comw CompuServe, proveniente dagli Stati Uniti, che pubblicizzava i modem dei clienti svizzeri.

Nel corso degli anni, i lettori sono sempre stati informati sugli eventi più importanti della storia mondiale su questa pagina.
dj

Ormai sono tutti elementi della storia, ma The Blue Window non lo è del tutto: il marchio è stato integrato in Swisscom all'inizio degli anni 2000 e vive ancora oggi come portale di notizie Bluewin.ch, ora «blue News», così come in innumerevoli indirizzi e-mail.