Vertice Biden-Putin

Il mondo come ha giudicato l'ospitalità della Svizzera?

ATS

17.6.2021

Ginevra era sotto i riflettori del mondo durante il vertice Putin-Biden.
Ginevra era sotto i riflettori del mondo durante il vertice Putin-Biden.
RvS.Media/Monika Majer/Getty Image

Dopo l'incontro al vertice tra Joe Biden e Vladimir Putin, le analisi politiche traboccano. Ma non solo: per un breve periodo Ginevra e la Svizzera sono state al centro dell'attenzione mondiale. Come hanno visto gli osservatori internazionali la città e il paese ospitante?

ATS

17.6.2021

Per un breve periodo il mondo intero ha guardato il vertice tra il presidente statunitense Biden e il presidente russo Putin. Mentre tutti i tipi di commenti hanno analizzato le conseguenze politiche e il simbolismo della riunione, anche la città e il Paese ospitanti sono finiti sotto i riflettori.

La Svizzera non avrebbe potuto rendere meglio giustizia alla sua reputazione di sede di incontri politici mondiali, scrive la Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) nella sua analisi del vertice con la villa settecentesca La Grange che si affaccia sul lago di Ginevra, che era particolarmente in tono con il cielo estivo.

Anche dal punto di vista architettonico, la neutralità ha prevalso. A causa della simmetria della casa, entrambi i presidenti e i loro consiglieri hanno avuto esattamente la stessa stanza a loro disposizione. La FAZ ricorda che fu anche a Ginevra che Ronald Reagan e Michael Gorbaciov annunciarono inaspettatamente la fine della guerra fredda nel loro incontro del 1985.

Anche il «New York Times» ha dedicato un breve pezzo al luogo dell'evento politico mondiale, dicendo che la villa è «famosa come scena di momenti importanti nella lotta tra la guerra e la pace».

Numerosi media svizzeri hanno descritto il vertice di Biden con Putin come storico. Nel frattempo, il presidente Guy Parmelin si assicura una foto per i libri di storia, quella in cui si trova con Biden e Putin all'ingresso della villa.

Swiss President Guy Parmelin, center, greets President Joe Biden, right, and Russian President Vladimir Putin, at the 'Villa la Grange', Wednesday, June 16, 2021, in Geneva, Switzerland. (Saul Loeb/Pool via AP)
Guy Parmelin in mezzo a Putin e Biden all'ingresso della villa La Grange di Ginevra.
KEYSTONE

Il «Washington Post» ha sottolineato come Parmelin ha sfruttato l'occasione per «pubblicizzare l'immagine neutrale della Svizzera e la Svizzera come centro della diplomazia internazionale». Dopo il vertice, il giornale statunitense ha scritto: «Ginevra può tirare un sospiro di sollievo».

«Grazie per il caloroso benvenuto»

Ginevra rimarrà probabilmente un brutto ricordo per alcuni giornalisti, dato che ci sono stati disordini durante la stretta di mano tra Biden e Putin quando il personale di sicurezza ha manovrato i fotografi fuori dalla sala. «Questo è il peggior vertice degli ultimi nove anni», ha twittato un corrispondente della CNN, secondo il Blick. C'è stato qualche spintone.

Ma proprio sullo stesso canale ci sono quelli che sembrano aver apprezzato molto il loro soggiorno in Svizzera. Nientemeno che la leggenda della CNN Wolf Blitzer ha commentato la sua visita su Twitter: Ginevra è «bellissima», una «città speciale». È stato un «vero piacere», ha scritto Blitzer partendo: «Grazie per il caloroso benvenuto». Spera di tornare un giorno.

L'emittente statunitense CBS ha giocato un po' con i cliché svizzeri: «La Svizzera non è conosciuta solo per il cioccolato e i coltellini da tasca», ha detto su Twitter, riferendosi alla tradizione diplomatica di Ginevra.

I media russi, nel frattempo, sembrano essersi concentrati anche su altri dettagli: Secondo il «Tages-Anzeiger», per esempio, si parlava della torta con la scritta «Peace of Cake», che la pasticceria Christie's di Ginevra ha preparato in occasione della riunione.

Le immagini rimarranno

Il Consiglio federale può segnare un successo a livello internazionale con l'incontro al vertice di Ginevra, scrive la «Aargauer Zeitung» in un commento. È riuscito a offrire una mano affinché i due presidenti potessero incontrarsi.

La Svizzera ha potuto presentare i suoi «buoni uffici» sotto i riflettori della stampa internazionale. Più di 1.200 professionisti dei media di 44 Paesi diversi hanno riferito del vertice da Ginevra.

Le prossime settimane e mesi mostreranno se l'incontro ha contribuito a facilitare le relazioni russo-americane, scrive la «Neue Zürcher Zeitung». Questo vale anche per il settore del turismo, che è stato colpito duramente dalla crisi del Covid e spera in un effetto promozionale del vertice.

Tuttavia, la posizione di partenza non è male. Anche se entrambi i presidenti se ne sono andati rapidamente, una cosa rimane: le immagini.