Violenze

In Svizzera ci sono pochi posti per donne e bambini in difficoltà

wk, ats

16.9.2021 - 13:01

I posti dove possono trovare rifugio donne e bambini che hanno subito violenza sono scarsi in Svizzera.
I posti dove possono trovare rifugio donne e bambini che hanno subito violenza sono scarsi in Svizzera.
Keystone

I posti dove possono trovare rifugio donne e bambini che hanno subito violenza sono scarsi in Svizzera. Secondo le raccomandazioni del Consiglio d'Europa, la Svizzera, in relazione agli abitanti, dovrebbe disporre di 860 posti ma il numero è nettamente inferiore.

wk, ats

16.9.2021 - 13:01

La situazione dei rifugi per donne nel paese è indubbiamente migliorata rispetto a quando sono stati fondati alla fine degli anni '70 e all'inizio degli anni '80; anche perché i finanziamenti statali sono diventati più consistenti. Tuttavia, la maggior parte di queste strutture dipende dalle donazioni, sottolinea in un'intervista odierna ai giornali del gruppo Tamedia Marlies Haller, direttrice esecutiva dell'organizzazione che riunisce le Case delle Donne DAO (Dachorganisation der Frauenhäuser Schweiz und Liechtenstein).

Inoltre – aggiunge Marlies Haller – sarebbe necessaria una strategia nazionale, poiché la struttura e il finanziamento di questi luoghi di accoglienza differiscono da cantone a cantone e a volte anche da rifugio a rifugio.

Secondo la direttrice esecutiva della DAO, i posti a disposizione sono pochi. Basti pensare che il Consiglio d'Europa raccomanda una camera familiare per una madre e i suoi figli ogni 10'000 abitanti. In base a questo calcolo la Svizzera dovrebbe quindi offrire circa 860 posti, ma la situazione e ben diversa.

La DAO conta 22 Case delle Donne, puntualizza Haller. Ii cantoni di Berna, Zurigo e Vallese ne hanno tre ciascuno, due i cantoni Ticino e Ginevra e uno ciascuno in altri nove cantoni. Ad eccezione del Giura, c'è quindi almeno un rifugio per donne in tutti i cantoni della Svizzera latina.

Bisogna poi considerare che in media i bambini costituiscono almeno la metà dei residenti dei centri che ospitano chi ha dovuto abbandonare il proprio domicilio per motivi di incolumità. E data la carenza di posti c'è bisogno di un'azione mirata anche per loro, poiché è importante che possano crescere in un ambiente privo di violenza.

Haller ricorda che, affinché le Case delle Donne possano assolvere adeguatamente al loro mandato, la Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS) raccomanda un tasso di occupazione annuale del 75%. Tuttavia, come altri servizi di intervento in caso di crisi, sono soggetti a fluttuazioni nell'occupazione, il che rende difficile la pianificazione.

La CDOS raccomanda anche ai cantoni di compensare i costi di approvvigionamento attraverso un contributo di base. E dovrebbero farlo «in modo appropriato». Inoltre anche i cantoni che non hanno servizi propri dovrebbero partecipare a questo finanziamento di base.

Marilies Haller vorrebbe che i cantoni prendano sul serio le raccomandazioni della CDOS, ma ritiene che purtroppo ci siano anche altri segnali. La messa in pratica di queste indicazioni non è gratuita, e non tutti i cantoni hanno potuto o voluto stanziare fondi a tale scopo, nota. La direttrice della DAO auspica quindi che, dove non sono state messe a disposizione le risorse, sia il governo federale a dare una mano, per esempio con un finanziamento iniziale.

wk, ats