Società L'USS esige un aumento generale dei salari del 5%

dv, ats

8.9.2023 - 11:09

I soldi ci sono, ma vengono distribuiti in maniera sempre più ineguale, ha sottolineato il presidente dell'USS Pierre-Yves Maillard, nella conferenza stampa odierna.
I soldi ci sono, ma vengono distribuiti in maniera sempre più ineguale, ha sottolineato il presidente dell'USS Pierre-Yves Maillard, nella conferenza stampa odierna.
Keystone

Inflazione, affitti, premi di assicurazione malattia: l'onere per le economie domestiche elvetiche continua a crescere. Per questa ragione, l'Unione sindacale svizzera (USS) richiede un aumento del salario reale del 5% nel 2024.

8.9.2023 - 11:09

Nonostante la congiuntura economica favorevole, i datori di lavoro non sono nemmeno disposti a compensare l'inflazione, ha criticato l'USS in una conferenza stampa odierna sulle trattative salariali 2024 a Berna. I loro margini, ancora una volta elevati, vengono utilizzati solo per aumentare ulteriormente stipendi molto alti e bonus nonché per versare dividendi.

Mentre i lavoratori a basso e medio reddito hanno visto diminuire i loro stipendi reali, le 50'000 persone che guadagnano di più – quelli con un reddito di almeno 300'000 franchi – hanno beneficiato di un aumento delle paghe e dei dividendi, ha spiegato Daniel Lampart, capo economista dell'associazione.

Al giorno d'oggi ben più di 4000 persone ricevono un salario superiore a un milione, cioè quasi tre volte in più di 20 anni fa, ha aggiunto. Al contrario, se le cose non cambiano, nel 2024, una coppia con due bambini disporrà di circa 3000 franchi in meno in termini reali che nel 2020.

«I soldi ci sono», ma sono mal distribuiti

Consiglio federale e parlamento si rifiutano di alleggerire l'onere che grava sulla popolazione attiva e il governo mantiene i suoi progetti di austerità, denuncia l'organizzazione sindacale. «Si potrebbe pensare che siamo nel bel mezzo di una crisi economica, ma non è così», ha dichiarato il presidente dell'USS Pierre-Yves Maillard.

«I soldi ci sono, la Svizzera grazie alle sue lavoratrici e lavoratori produce una quantità di ricchezza sempre maggiore. Ma la distribuzione è più ineguale che mai.» L'associazione reclama quindi una «vera svolta» con aumenti generali di salari dell'ordine del 5% e misure concrete contro la progressione degli affitti e dei premi dell'assicurazione malattia.

L'USS chiede inoltre che tutti coloro che hanno completato un apprendistato guadagnino almeno 5'000 franchi al mese e che la compensazione dell'inflazione torni a essere la regola nei contratti collettivi di lavoro. Si tratta della miglior soluzione per valorizzare l'apprendistato, come lo auspicano d'altronde autorità e datori di lavoro, ha ricordato Maillard.

L'USS si mobiliterà per evitare il quarto anno consecutivo di riduzione dei salari reali con una grande manifestazione a Berna il 16 settembre.

dv, ats