Samia Hurst

«Se la tendenza continua, Omicron ci condurrà in un territorio inesplorato»

Di Gil Bieler e Alex Rudolf

19.1.2022

Samia Hurst afferma:
Samia Hurst afferma: «Senza le misure attuali, la situazione sarebbe molto probabilmente ancora peggiore».
Keystone

È una delle donne più potenti nella lotta svizzera contro il Covid: la vicepresidente della Task Force scientifica Samia Hurst spiega in quale area abbiamo collettivamente fallito.

Di Gil Bieler e Alex Rudolf

19.1.2022

La Svizzera è ancora alle prese con un numero record di casi di Omicron. In Gran Bretagna, che è circa due settimane avanti a noi, i ricoveri sono in aumento: dobbiamo preoccuparci?

Gli studi dimostrano che Omicron provoca casi meno gravi rispetto a Delta, ma la pressione sugli ospedali non scompare. Anche se le terapie intensive sono attualmente meno occupate rispetto a un anno fa, dovremo anche monitorare attentamente il numero di ricoveri ospedalieri al di fuori di questa unità. Un numero elevato di degenze ospedaliere può infatti influire sulla qualità delle cure per tutti.

Si dice che tutti devono avere accesso all'assistenza sanitaria. Tuttavia, vari politici chiedono che le persone non vaccinate rinuncino a un posto in terapia intensiva o che sia dia precedenza agli immunizzati. Questo la preoccupa?

Sì, perché l'accesso alle cure mediche è un diritto fondamentale. L'etica medica presuppone l'equivalenza di ogni vita umana. Il diritto di accedere all'assistenza sanitaria non può essere perso a causa del comportamento personale.

Inoltre, la Svizzera ha deciso di concedere la libertà di farsi vaccinare o meno contro il Covid. Pertanto, questa libertà deve essere presa in considerazione sia nelle decisioni politiche che mediche.

La vicepresidente della Task Force Samia Hurst
Samia Hurst, 51 anni, è una bioeticista e vicepresidente della Corona Task Force. È professore presso l'Institut Éthique Histoire Humanités dell'Università di Ginevra.

Samia Hurst, 51 anni, è un'esperta di etica biomedica e vicepresidente della Task Force scientifica Covid. È professoressa presso l'Institut Éthique Histoire Humanités dell'Università di Ginevra.

Qual è il problema etico? Dopotutto, i non vaccinati con la loro decisione aumentano la probabilità che finiscano in terapia intensiva.

La vaccinazione riduce la probabilità di dover andare in cure intense, ma non è l'unico comportamento che ha questo effetto. Il fatto che ci siano molti pazienti in questo reparto non è dovuto solo al comportamento dei non vaccinati: ogni volta che ci esponiamo alla possibilità di essere infettati o di trasmettere il SARS-CoV2, sia che siamo immunizzati o meno, rischiamo di aumentare il numero di pazienti che devono essere curati in ospedale e in terapia intensiva. In linea di principio, però, l'assistenza sanitaria è un diritto: non deve essere guadagnata attraverso comportamenti privi di rischi o addirittura virtuosi.

Attualmente non esiste una base giuridica per il triage. Potrebbe essere necessaria oppure la questione dovrebbe essere trattata da un punto di vista puramente medico?

Le linee guida dell'Accademia svizzera di scienze mediche (SAMS) forniscono una guida per i professionisti del settore medico. Queste sono state scritte da un gruppo interdisciplinare di professionisti medici e legali e tengono conto anche delle dichiarazioni di gruppi di persone potenzialmente colpite. Le linee guida non sono giuridicamente vincolanti, ma anche altre linee guida SAMS sono state utilizzate dai tribunali per definire gli standard di cura.

Lei sostiene che le misure prese finora potrebbero non essere sufficienti per ridurre il numero di casi di Omicron. In quali ambiti la politica dovrebbe intervenire maggiormente?

Senza le misure attuali, la situazione sarebbe molto probabilmente peggiore, ma non stanno avendo un effetto sufficiente per fermare l'attuale ondata. Se questa tendenza continua, l'ondata di Omicron ci condurrà in un territorio inesplorato. La scienza non può dire dove dovrebbe avvenire l'intervento politico, solo dove si verifica il contagio: ovvero dove le persone senza immunità si trovano e sono esposte agli aerosol.

L'obbligo di home office dovrebbe diventare la nuova normalità?

Questa è una domanda per i politici, i datori di lavoro e le autorità. Da un punto di vista epidemiologico, ha senso ridurre il più possibile i contatti, anche sul posto di lavoro, quando l'incidenza e la circolazione del virus sono alte, come ora.

Come possiamo riuscire a uscire dagli alti e bassi delle ondate di infezione?

Ciò potrà avvenire quando un numero sufficiente di persone nella popolazione avrà acquisito l'immunità alle varianti circolanti, sia attraverso la vaccinazione che attraverso la malattia. Poi arriveremo alla cosiddetta situazione endemica, dove il virus può ancora circolare, ma senza conseguenze collettive per l'intera società.

Nei paesi occidentali, alcuni hanno già ricevuto il richiamo del vaccino, mentre nell'emisfero meridionale molti non sono ancora stati immunizzati. Siamo troppo egoisti?

La scienza ha contribuito a sviluppare strumenti per combattere questa pandemia a un ritmo senza precedenti. Nonostante gli intensi sforzi di molte istituzioni, tuttavia, non siamo in grado di diffondere questi strumenti in tutto il mondo nel modo che sarebbe necessario. A livello internazionale, questo rappresenta un fallimento morale collettivo e anche una negligenza.

L'OMS ci ricorda ancora e ancora che «nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro». La continua carenza di vaccini in molti paesi aumenta la probabilità che emergano nuove varianti. Tuttavia, ciò non significa che debbano essere somministrati meno richiami. Ma piuttosto che si dovrebbero fare maggiori sforzi per aumentare la produzione, anche nei paesi poveri che sarebbero in grado di farlo.

Perché i paesi più poveri non hanno mai una possibilità? Per le quantità di vaccino, la logistica o la volontà?

Si tratta chiaramente di una questione politica, non scientifica.

Le ondate di infezione continueranno a verificarsi nei prossimi inverni?

È del tutto possibile che anche nella situazione endemica, i virus circoleranno ancora e ancora, ma non causeranno più ondate così estreme.

L'intervista è stata realizzata per iscritto.