Covid

«La certificazione obbligatoria al lavoro può essere problematica»

aka

9.9.2021

I concetti di protezione, malgrado la possibile introduzione dell'obbligo del certificato Covid in alcuni ambiti lavorativi, non devono essere tolti.
I concetti di protezione, malgrado la possibile introduzione dell'obbligo del certificato Covid in alcuni ambiti lavorativi, non devono essere tolti.
KEYSTONE/archivio

Prima era proibito, ma da lunedì è permesso: i datori di lavoro sono autorizzati a richiedere il certificato Covid ai loro dipendenti. Come va a finire?

aka

9.9.2021

Il Consiglio federale sta reagendo alla situazione tesa nei reparti di terapia intensiva a causa della pandemia. Ha deciso di estendere l'obbligo d'avere un certificato Covid.

A partire da lunedì, infatti, solo coloro che possono mostrarne uno saranno autorizzati a lavorare nei ristoranti o nei centri fitness. Un grande cambiamento riguarda il mondo lavorativo: i datori di lavoro son autorizzati a chiedere ai loro dipendenti un certificato. Fino ad ora era un tabù.

Tuttavia, ci sono delle restrizioni. I datori di lavoro possono chiedere ai loro dipendenti il loro certificato solo se serve a stabilire misure di protezione adeguate. O per implementare i concetti di test. Per esempio, il datore di lavoro può introdurre un obbligo di mascherina per le persone non vaccinate. 

Dovrebbe essere preferito un «Certificato light»

E, cosa importante, i dipendenti devono essere consultati quando il certificato viene utilizzato. È richiesta anche una documentazione scritta.

Chi sostiene i costi?

Se l'azienda richiede ai suoi dipendenti di fare un test, deve sostenerne i costi. La Confederazione si assume i costi se il test viene effettuato nell'ambito dei test ripetitivi nell'azienda.

Per ragioni di protezione dei dati, il «Certificato light» dovrebbe essere usato quando possibile. Il certificato light è una funzione dell'applicazione «Covid Certificate». Non contiene dati sulla salute. In altre parole, mostra se i dipendenti hanno certificati validi. Ma non se sono stati vaccinati, guariti o testati negativi.

«Le libertà devono rimanere protette»

L'associazione Impiegati Svizzera, tuttavia, invita alla moderazione: «Un obbligo di certificato sul posto di lavoro può essere problematico anche da un punto di vista legale», scrive in una nota.

L'argomento che la determinazione delle misure di protezione appropriate renderebbe necessario l'esame del certificato non è convincente. I concetti di protezione dovrebbero essere sempre rispettati, indipendentemente dallo stato vaccinale delle persone. Nel cantone di Zurigo, il luogo di lavoro è il secondo luogo di infezione più frequente. 

Le libertà fondamentali devono comunque rimanere protette. L'associazione Dipendenti svizzeri è chiaramente contro la vaccinazione obbligatoria: se qualcuno decide di non farsi vaccinare, la sua decisione dovrebbe essere rispettata, dicono. Tuttavia, l'associazione accoglie con favore le misure che motivano il maggior numero possibile di persone non vaccinate a farsi immunizzare.

Dipendenti svizzeri sarebbero d'accordo con la certificazione obbligatoria sul posto di lavoro solo se fosse legalmente sicura e la protezione dei dati fosse garantita. E se la misura è limitata al tempo della pandemia. È ciò che prevede il Consiglio federale.

«Il potenziale di discriminazione è troppo grande»

Travail.Suisse, l'organizzazione mantello indipendente dei lavoratori, è ancora più critica. Secondo un comunicato, appoggia la decisione del Governo di estendere la portata del certificato Covid nella vita pubblica. Tuttavia, è scettico sull'uso del certificato sul posto di lavoro.

«La protezione dei dati non può essere garantita e il potenziale di discriminazione è troppo grande», scrive Travail.Suisse. Inoltre, i concetti di protezione sul posto di lavoro non dovrebbero essere assolutamente tolti, altrimenti l'effetto sulla pandemia rischia di diventare negativo.

La certificazione obbligatoria minaccia di portare a ulteriori perdite di fatturato nei settori interessati. È incomprensibile che le possibilità agevolate di lavoro a tempo ridotto non siano continuate oltre la fine di settembre.

I datori di lavoro a favore dell'estensione

E cosa dire della parte opposta? Che è soddisfatta. L'Associazione svizzera dei datori di lavoro sostiene «la proroga temporanea del certificato Covid in considerazione del peggioramento della situazione nel settore sanitario», scrive.

Pensa inoltre che sia giusto che i datori di lavoro possano usare il certificato «in futuro per introdurre regole diverse per la protezione contro il virus sul posto di lavoro».