La seconda dose di Moderna è davvero poi così più tosta?

Di Uz Rieger e Gil Bieler

19.7.2021

Una donna riceve una dose del vaccino Moderna nel mese di aprile del 2021 a Ginevra.
Una donna riceve una dose del vaccino Moderna nel mese di aprile del 2021 a Ginevra.
KEYSTONE

Con l'avanzare della campagna di vaccinazione, si sente sempre più spesso parlare di conoscenti o familiari che si ammalano dopo l'iniezione. La seconda dose di Moderna, in particolare, è spesso citata.

Di Uz Rieger e Gil Bieler

19.7.2021

Si hanno davvero più effetti indesiderati dopo la seconda dose di vaccino? O la gente diventa semplicemente più narrativa quando finalmente si avvicina alla protezione totale con la seconda iniezione? Sembra che i rapporti sugli effetti collaterali dei preparati siano destinati ad aumentare. A risentire più spesso di questi effetti indesiderati sembra siano le persone inoculate con Moderna, le quali sovente finiscono a letto con sintomi simili all'influenza.

Ma è davvero così? O attorno al vaccino di Moderna si sono create semplicemente delle voci causate dal suo successo?

Quasi 3.000 reazioni avverse ai vaccini a metà giugno

Il fatto è che generalmente ci sono anche effetti collaterali più gravi dopo la vaccinazione. L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici, Swissmedic, ha riportato 2.944 casi sospetti di reazioni avverse alla vaccinazione tra il 1° gennaio e il 15 giugno di quest'anno. Un totale di 7.738 reazioni sono state riportate, vale a dire una media di 2,6 reazioni per rapporto.

Le donne sono state particolarmente colpite con 2.022 casi (68,7%), mentre 825 casi sono stati segnalati per gli uomini, il che corrisponde al 28%. Per quanto riguarda l'età, il gruppo sopra i 75 anni primeggia con 938 casi, il che è probabilmente dovuto al fatto che molti in questa fascia d'età sono già stati completamente vaccinati.

Le cifre, tuttavia, non sono rappresentative, perché le reazioni alle vaccinazioni non sono registrate sistematicamente e Swissmedic dipende dal feedback degli specialisti e della popolazione svizzera.

Questi effetti collaterali indesiderati sono anche compensati a questo punto dal grande numero di vaccinazioni somministrate, oltre 7 milioni, e dal fatto che 1.901 dei casi sospetti riportati - cioè quasi il 65% - sono stati classificati come non gravi.

Differenze tra Moderna e Pfizer/Biontech

Secondo i dati di Swissmedic  però ci sono differenze tra i due vaccini utilizzati in Svizzera, dato che il 57,6% delle segnalazioni registrate riguardano il vaccino di Moderna e il 40,8% quello di Pfizer/Biontech.

Secondo Swissmedic, il 35,5% dei casi con Pfizer/Biontech sono stati classificati come non gravi, e con Moderna la cifra è addirittura del 63,6%. D'altra parte, i due vaccini sono di nuovo vicini in termini di casi gravi: il 50,5% proveniva da Pfizer/Biontech e il 46,8% da Moderna. Nel complesso, il prodotto Moderna ha mostrato di nuovo più reazioni fisiche, vale a dire 4.808 volte, che corrisponde al 62,1% - con Biontech era 2.838 casi o 36,7%.

Più reazioni con la seconda dose

Rudolf Hauri può confermare l'osservazione sui vaccinati con Moderna. Moderna provoca più reazioni di Pfizer/Biontech, dice il presidente dell'Associazione dei medici cantonali a «blue News». Una delle ragioni  può essere che il preparato di Moderna ha un dosaggio più alto.

Secondo Hauri, è indiscutibile che si potrebbero verificare più reazioni spiacevoli con la seconda dose di vaccinazione rispetto alla prima. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha già preso in esame la questione. Secondo i loro dati, dopo la prima vaccinazione con Pfizer/Biontech, la febbre si è verificata nel 4% delle persone tra i 18 e i 55 anni di età. Con la seconda iniezione, questa cifra è salita al 15%.

Allo stesso modo, i rischi di una maggiore stanchezza sono aumentati dal 47 al 59%, i mal di testa dal 42 al 52% e i brividi dal 14 al 35%. Secondo la FDA, gli aumenti corrispondenti sono leggermente più alti per Moderna. «Ma questo non significa automaticamente che si deve stare a letto per un giorno dopo la seconda vaccinazione con Moderna», chiarisce Hauri. E lo dice facendo riferimento a altri esempi osservati nel suo entourage.

Hauri: «Presentatevi ben riposati e rilassati alla vaccinazione»

Ci sono inoltre alcune cose che si possono fare per contrastare le reazioni negative dopo la vaccinazione. «È vantaggioso andare all'appuntamento per la vaccinazione riposati e il più rilassati possibile», dice Hauri. Perché la vaccinazione scatena una reazione di stress nel corpo. Quindi coloro che sono già stressati sono in svantaggio.

Un altro consiglio dell'esperto è di bere abbastanza dopo la vaccinazione. Tuttavia, l'alcol è un tabù. E un atteggiamento rilassato è anche benefico, dice Hauri: «Ci si può aspettare che ci sarà una reazione alla vaccinazione e non bisogna essere sconvolti quando si verifica».

Per quanto riguarda l'uso profilattico di antidolorifici, il medico è cauto: «Se si verificano effetti collaterali che dovrebbero essere esaminati, questo potrebbe eventualmente offuscare i sintomi». Ecco perché consiglia di non prendere antidolorifici prima della vaccinazione.

Nessun obbligo di farsi vaccinare solo nel tempo libero

Chi teme di assentarsi dal lavoro dopo la vaccinazione non deve sentirsi in colpa: «Se un dipendente si ammala dopo una vaccinazione, si tratta di un impedimento del tutto normale della prestazione lavorativa senza colpa», conferma su richiesta la Segreteria di Stato dell'economia (Seco). Il datore di lavoro non può insistere che la vaccinazione sia effettuata nel tempo libero del dipendente.

In generale, la Seco consiglia la stessa procedura di tutti gli appuntamenti medici brevi: se possibile, questi dovrebbero essere programmati in orari non di punta.