Svizzera- Ue

Leu a Bruxelles per la prima volta dopo fallimento accordo quadro

ev, ats

17.9.2021 - 19:38

La segretaria di Stato Livia Leu (foto d'archivio)
La segretaria di Stato Livia Leu (foto d'archivio)
Keystone

Per la prima volta dal fallimento dell'accordo quadro, la segretaria di Stato Livia Leu si è recata oggi a Bruxelles per una visita di lavoro.

ev, ats

17.9.2021 - 19:38

Leu ha parlato con i rappresentanti dell'Unione europea (Ue) degli ultimi sviluppi e delle prospettive delle relazioni Svizzera-Ue.

Leu ha incontrato la segretaria generale della Commissione Ue Ilze Juhansone, Juraj Nociar, capo di gabinetto di Maros Sefcovic, vicepresidente della Commissione Ue, e Stefano Sannino, segretario generale del Servizio europeo per l'azione esterna per colloqui. Con Sannino, Leu ha discusso soprattutto di questioni di politica estera come l'Afghanistan.

La segretaria di Stato ha dichiarato ai media a Bruxelles di aver sottolineato ai suoi interlocutori la volontà del Consiglio federale di continuare sulla via bilaterale. Questo è nell'interesse di entrambe le parti. In questo contesto, Leu ha anche promosso il «dialogo politico» con l'Ue auspicato dal Consiglio federale per sviluppare un'agenda comune. Il dialogo deve «comprendere l'intero spettro delle nostre relazioni», ha continuato Leu.

L'Ue si è mostrata interessata a un dialogo, ha dichiarato la segretaria di Stato. «Non è un periodo di porte chiuse». Allo stesso tempo, la Svizzera è naturalmente cosciente dei temi che sono importanti per l'Ue e che devono essere discussi.

Presa in consegna del dossier svizzero

Leu ha anche ricordato ai suoi interlocutori che il Consiglio federale ha aperto la strada al pagamento del secondo miliardo per il fondo di coesione. La palla è ora nel campo del Parlamento. Ha anche detto loro che la Svizzera rimane un «partner affidabile e impegnato» anche senza un accordo quadro istituzionale.

Allo stesso tempo, ha chiarito ai partner dell'Ue che Berna attende l'inizio del processo di associazione della Svizzera al programma di ricerca dell'Ue «Horizon Europe».

La segretaria di Stato ha espresso il suo ottimismo sul fatto che la Svizzera «saprà presto» chi sarà il suo interlocutore alla Commissione europea. Secondo alcune voci, Maros Sefcovic prenderà in consegna il dossier svizzero dal commissario Johannes Hahn. Finora nessuno l'ha confermato.

Svizzera tema dei ministri europei

Martedì prossimo, i ministri europei saranno anche informati dalla Commissione Ue sulle relazioni tra la Svizzera e l'Unione europea. Una discussione tra gli stati membri non è prevista, ma, se lo desiderano, gli Stati dell'Ue possono prendere la parola.

Tuttavia, non ci sono molte novità. A quanto si apprende sembra essere stata l'Austria a spingere affinché la Svizzera venisse inserita nell'ordine del giorno dei ministri europei.

La principale preoccupazione di Vienna è probabilmente quella di assicurare che la questione non scivoli troppo in basso nella lista delle priorità della Commissione europea. Bruxelles ha recentemente dichiarato che la Svizzera non è una priorità.

ev, ats