Il 16 giugno

Mosca è d'accordo, Vladimir Putin incontra Joe Biden a Ginevra

SDA/AP/phi

25.5.2021

Joe Biden (a sinistra) con Vladimir Putin - qui in un incontro a Mosca nel marzo 2011. Ora si incontrano di nuovo a Ginevra.
Joe Biden (a sinistra) con Vladimir Putin - qui in un incontro a Mosca nel marzo 2011. Ora si incontrano di nuovo a Ginevra.
Keystone/EPA/Maxim Shipenkov

Hanno molto di cui parlare: Vladimir Putin ha accettato di incontrare Joe Biden a Ginevra a giugno. È la prima volta che il presidente russo e quello statunitense si vedono di persona da quando il democratico è entrato in carica alla Casa Bianca.

SDA/AP/phi

25.5.2021

Il presidente russo Vladimir Putin ha accettato un incontro al vertice con il suo omologo statunitense Joe Biden. Il vertice è previsto per il 16 giugno a Ginevra. Lo ha annunciato il Cremlino a Mosca martedì. Putin aveva lasciato a lungo in sospeso se avrebbe accettato l'invito di Biden.

Il Dipartimento federale degli affari esteri ha accolto con favore l'annuncio del vertice di Ginevra: «La Svizzera ha una lunga tradizione di buoni uffici e accoglie entrambi i capi di Stato», ha detto la portavoce Elisa Raggi. La Svizzera è lieta «di essere ancora una volta la sede di un incontro di così alto livello e di godere della fiducia di entrambe le parti».

Berna mantiene «buone relazioni di lunga data con entrambi gli Stati e una politica di dialogo aperta e trasparente», continua il comunicato. Il Consiglio federale è «convinto che il dialogo costruttivo» sia un prerequisito per risolvere le sfide globali. «Ecco perché la Svizzera è disponibile con i suoi buoni uffici».

Guy Parmelin ha espresso la sua gioia su Twitter per il fatto che Biden e Putin abbiano scelto Ginevra per il loro incontro. Il presidente della Confederazione ha aggiunto che spera in buoni colloqui. 

Il ministro degli Esteri Ignazio Cassis gli ha fatto eco, sempre su Twitter, scrivendo d'esser contento che i nostri buoni servizi potessero essere offerti agli Stati Uniti e alla Russia.

Biden e Putin «discuteranno l'intera gamma di questioni urgenti e cercheranno di ripristinare la prevedibilità e la stabilità delle relazioni USA-Russia», ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki.

Problemi acuti

Il Cremlino ha detto che l'incontro si concentrerà sullo «stato attuale e le prospettive delle relazioni russo-americane, questioni di stabilità strategica e problemi acuti nell'agenda internazionale», inclusi la gestione della pandemia di Covid e la risoluzione dei conflitti regionali.

Biden aveva suggerito un incontro faccia a faccia con Putin in una conversazione telefonica in aprile, proprio mentre la sua amministrazione stava preparando un altro giro di sanzioni contro i funzionari del governo russo. I dettagli dell'incontro sono stati elaborati negli ultimi giorni, secondo fonti della Casa Bianca.

Washington ha ripetutamente detto che sta cercando una relazione stabile con la Russia. Allo stesso tempo, il governo degli Stati Uniti ha accusato Mosca d'aver interferito nelle elezioni presidenziali americane dello scorso anno e di essere responsabile di un attacco hacker alle agenzie governative statunitensi.

La più grande minaccia alla sicurezza statunitense

La Casa Bianca ha anche criticato aspramente la detenzione dell'oppositore russo Alexei Navalny. A marzo, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a funzionari governativi e aziende russe per l'attacco al veleno contro di lui. Dieci diplomatici russi sono stati poi espulsi.

Biden ha ammesso, tuttavia, di aver rinunciato a misure punitive più severe per il momento, nella speranza che gli Stati Uniti e la Russia possano ancora concordare delle regole nel loro rapporto. Durante la campagna elettorale, Biden aveva descritto la Russia come la più grande minaccia alla sicurezza americana e alle sue alleanze e aveva criticato aspramente il suo predecessore Donald Trump per la sua relazione con Vladimir Putin.

Trump e Putin si sono incontrati solo una volta di persona durante il mandato quadriennale del presidente statunitense. All'incontro di luglio 2018 a Helsinki, Trump ha rifiutato pubblicamente di credere alle conclusioni delle sue stesse agenzie di intelligence sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016.