I consigli dell'esperto

«Non chiediamoci quando finirà la pandemia, ma come affrontarla al meglio»

Di Andreas Fischer

17.1.2022

L'attuale situazione del Covid in Svizzera è simile a quella dell'anno scorso, con un numero elevato di casi e capacità di terapia intensiva limitata.
L'attuale situazione del Covid in Svizzera è simile a quella dell'anno scorso, con un numero elevato di casi e capacità di terapia intensiva limitata, ma non con l'acqua alla gola.
Keystone/Gaetan Bally

Da quando il virus è approdato in Svizzera, a inizio 2020, ora stiamo affrontando l'ennesima ondata di Covid. E ogni volta ci chiediamo se sarà l'ultima. Finirà mai tutto questo? blue News ne ha parlato con un infettivologo dell'Università di Zurigo.

Di Andreas Fischer

17.1.2022

«Usciremo mai da questa situazione?»: una domanda che si è posto di recente anche il noto scienziato e divulgatore scientifico Mai Thi Nguyen-Kim sul suo canale Youtube maiLab. Nonostante la vaccinazione anti-Covid, nonostante le restrizioni, nonostante tutte le misure, a volte sembra di essere tornati alla stessa situazione dello scorso inverno, anche se in realtà non è proprio così.

Gli esperti concordano sul fatto che l'attuale ondata, dovuta alla variante Omicron, non sarà l'ultima, ma è impossibile prevedere se la prossima sarà più lieve o più pericolosa, più corta o più lunga. Al momento, dunque, non si riesce a vedere la fine del tunnel di questa pandemia. blue News ha cercato di capirne di più con Jan Fehr, infettivologo dell'Università di Zurigo.

L'ennesima ondata di Covid, dovuta principalmente alla variante Omicron, sta attraversando il paese: usciremo mai da questa situazione?

Ne saremo fuori quando smetteremo di contare. Intendo che la mentalità deve cambiare. Non dovremmo cercare disperatamente di desiderare la fine della pandemia.

L'infettivologo Jan Fehr
 Jan Fehr,
zVg

L'infettivologo Jan Fehr dirige il Dipartimento di salute pubblica e globale presso l'Istituto di epidemiologia, biostatistica e prevenzione dell'Università di Zurigo.

Quindi a suo avviso dovremmo essere più sereni parlando di Covid?

«Serenità» è forse la parola sbagliata. Piuttosto, dovremmo affrontare la pandemia con una certa umiltà e modestia. In sostanza, dobbiamo prenderla come viene, non abbiamo altra scelta. Il che non significa in alcun modo che dobbiamo sederci e non fare nulla. Ma dobbiamo stare attenti a non pensare a corto termine, altrimenti ci esauriamo.

Quindi continueranno a esserci ondate regolari?

Da un punto di vista infettivologico, probabilmente si può dire che ci saranno ancora alcune ondate, ma nel corso del tempo si spera che le loro oscillazioni non siano più così pronunciate. Ondate più piccole, poco evidenti. Legato a ciò, c'è la speranza che con l'appiattimento delle ondate, anche il sistema sanitario sarà meno appesantito.

Quindi il virus non scomparirà nel prossimo futuro: per quanto tempo le persone possono sopportare la pandemia?

La domanda che dobbiamo porci è: come affrontarla al meglio? Come medico, sono consapevole che ci sono delle malattie che non possono essere eliminate. Tuttavia, le persone possono conviverci. C'è un termine tecnico inglese per questo: «coping». Che significa «far fronte, affrontare». In relazione al Covid, vuol dire che il virus potrebbe ancora esserci in futuro, ma la società può farvi fronte perché il sistema sanitario non sarà più sovraccarico e non ci saranno più restrizioni severe. Questo deve essere il nostro obiettivo.

La domanda è: con questa consapevolezza, qual è il nostro atteggiamento come società?

Dobbiamo riuscire in un qualche modo a superare, come società, le divisioni (presunte o reali). È molto difficile, ma dopo che la legge Covid è stata approvata alle urne, si sentono molto più raramente i campanacci degli scettici risuonare per le strade. La minoranza rumorosa è rimasta piuttosto in silenzio poiché non può più pretendere di rappresentare la maggioranza silenziosa. In definitiva, possiamo superare questa pandemia solo insieme, concetto che deve diventare la pietra miliare per ulteriori sfide. Che si tratti della prossima pandemia, del cambiamento climatico o degli attacchi informatici.

Da un punto di vista epidemiologico, la Svizzera è stata troppo lassista con le misure?

Rispetto ad altri Paesi, la Svizzera ha sempre optato per le misure meno invasive, lasciando aperto il più possibile. Da un punto di vista infettivologico, a volte avrei desiderato che il Governo avesse iniziato prima a essere più restrittivo e che fosse stato un po' più sobrio nelle fasi iniziali. Se avessimo reagito prima, gli ospedali sarebbero meno «caricati» a causa della variante Delta e avremmo avuto un punto di partenza migliore per la nuova ondata portata da Omicron.

Si tratta di un delicato esercizio di equilibrio. L'infezione è solo un lato di una pandemia, anche se importante. Devono infatti venire presi in considerazione anche gli aspetti economici e quelli sociali. Bisogna trovare una buona via di mezzo, il che è incredibilmente difficile. Tuttavia, ciò significa anche che i mezzi che abbiamo a disposizione, che non comportano ancora alcuna restrizione importante, dovrebbero venire usati il più presto e coerentemente possibile.

Che cosa intende?

Basta confrontare l'inizio della pandemia con la situazione attuale. Nella prima ondata, il concetto del 2G non era ancora un'opzione perché semplicemente non c'era ancora un vaccino. Ora molte persone dicono che siamo nella stessa situazione di un anno fa. Sì e no: sembra simile, ma nel frattempo sono successe molte cose. Questo fa parte del modo di convivere con il virus in una società.

Nonostante la vaccinazione, il numero di casi è elevato e gli ospedali e le unità di terapia intensiva sono comunque gravati, anche se meno: cosa è cambiato in termini concreti rispetto alla situazione di un anno fa? Sembra che non ci siano stati moltissimi miglioramenti.

Questa è una domanda molto importante. A prima vista, è esattamente come lo descrive, ma non è così guardando bene. La grande differenza è la vaccinazione. Se non la avessimo, ora ci troveremmo in una situazione come quella che abbiamo visto in India in primavera. Certo, abbiamo un sistema sanitario migliore, ma anche quello sarebbe stato al limite e oltre. La situazione sarebbe stata impossibile da presentare.

Cosa ha fatto la vaccinazione?

Con la vaccinazione abbiamo incorporato un fattore di riduzione significativo ed evitato il peggio: sebbene la variante Delta sia stata molto più aggressiva, a inizio autunno il numero di casi non si è riflesso più nella stessa misura nei ricoveri e nell'occupazione delle cure intense di un anno fa. Questa riduzione è fondamentale perché significa che gli ospedali sono meno gravati. Tuttavia, le persone che ci lavorano sono estremamente stressate. Hanno lavorato nella pandemia per 20 mesi. Gli operatori sanitari sono esausti e sotto una pressione folle. Ci sono state alcune partenze e il personale non viene ormai più applaudito, nonostante quello che continua a fare quotidianamente.

Dopo la pandemia, ci sarà qualcuno che vorrà fare questo lavoro?

Gli operatori sanitari dovrebbero avere uno status decisamente migliore dopo l'adozione dell'iniziativa infermieristica e dovrebbero essere fatti investimenti sostenibili anche nel settore dell'assistenza. Certo, ci vuole un po' di tempo perché questo dia i suoi frutti. Ecco perché i politici devono adottare misure immediate. Altrimenti saremo praticamente soli nelle nostre unità di terapia intensiva ben attrezzate con «letti freddi».

Ci sono state ripetute segnalazioni di scoperte vaccinali. Alcune persone si chiedono quindi se la vaccinazione abbia davvero fatto la differenza.

Certamente siamo lontani dalla situazione che vogliamo. Ma in un qualche modo che la stiamo cavando senza che tutto crolli. Le vaccinazioni sono il fattore decisivo per questo. La stragrande maggioranza dei pazienti negli ospedali e nelle unità di terapia intensiva non è immunizzata. Su Omicron ci sono ancora tante domande aperte, ma almeno sappiamo che grazie al richiamo si viene protetti bene dai decorsi gravi. Questo è fondamentale.

Cosa significa esattamente una scoperta vaccinale?

A volte è davvero difficile farlo capire alle persone. Due frasi non sono di certo sufficienti, bisogna spiegarlo per bene. In primo luogo, una svolta vaccinale nella stragrande maggioranza dei casi significa un risultato positivo del test e sintomi lievi. Se non sei stato vaccinato, dovresti aspettarti un decorso medio/grave. Detto in altri termini: non saresti malato a casa, ma finiresti in ospedale.