Quanti casi mancano per introdurre la regola del 2G?

Di Andreas Fischer

10.11.2021

Per Rudolf Hauri, il capo dei medici cantonali, e Virginie Masserey dell'UFSP, il 2G non è un'opzione per la Svizzera. Almeno per ora...
Per Rudolf Hauri, il capo dei medici cantonali, e Virginie Masserey dell'UFSP, il 2G non è un'opzione per la Svizzera. Almeno per ora...
Keystone

«I numeri non sono ancora così male», ha sottolineato davanti ai media il capo dei medici cantonali Rudolf Hauri. Eppure le infezioni da Covid e i ricoveri in ospedale continuano ad aumentare. Quanto «male» devono andare i numeri per decidere di introdurre la regola del 2G anche in Svizzera?

Di Andreas Fischer

10.11.2021

Un certificato Covid solo per le persone vaccinate o guarite? La regola delle 2G non è ancora presa in considerazione in Svizzera. È quanto è stato sottolineato ieri, martedì, in conferenza stampa sia da Virginie Masserey, responsabile della sezione controllo delle infezioni all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), che dal medico cantonale di Zugo Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali.

«Ora è giusto mantenere il 3G. I numeri non sono ancora così male», ha detto Hauri davanti ai media. «Questo significa anche che i test hanno ancora qualche effetto». Ma bisogna osservare lo sviluppo, ha aggiunto. Alcuni esperti, comunque, stanno già chiedendo l'introduzione della regola del 2G in Svizzera.

Interpellato da blue News su quali cifre si riferisce effettivamente, il capo dei medici cantonali risponde: «Sulla situazione epidemiologica in Svizzera che ha portato alla seconda ondata e non il confronto con l'Austria o la Germania».

Il 2G è già arrivato nei Paesi a noi vicini

La regola del 2G è infatti già stata introdotta nei due paesi confinanti con la Svizzera. Le cifre in Austria e Germania sono così peggiori rispetto alle nostre?

Se si fa un confronto, in Austria ci sono effettivamente molte più nuove infezioni che in Svizzera. L'incidenza di 7 giorni* è di 625, mentre in Svizzera è attualmente di 195**. In Germania, tuttavia, l'incidenza è solo leggermente più alta rispetto a quella nella Confederazione: è infatti poco meno di 214. Le cifre dunque sembrano simili alle nostre.

Ci si chiede quindi quando da noi i numeri saranno così brutti da dover introdurre la regola del 2G anche in Svizzera... «Non c'è un punto di riferimento espresso in numeri di casi», risponde Hauri.

Ma i numeri contano...

In Austria, il 2G si applica a livello nazionale, mentre in Germania solo alcuni Länder hanno già introdotto la regola in tutto o in parte del territorio, mentre gli altri stanno progettando di farlo nei prossimi giorni.

Ciò che colpisce è che due dei tre Stati federali tedeschi attualmente più colpiti - in termini di nuove infezioni e di utilizzo di unità di terapia intensiva - hanno già introdotto le regole 2G. Al primo posto c'è la Sassonia con un'incidenza a 7 giorni di 483,7 (al 9.11., fonte: RKI), dove la misura è stata ampiamente utilizzata dall'inizio della settimana per combattere i numeri di Covid in rapido aumento. Solo le persone vaccinate e guarite sono ancora ammesse in ristoranti, pub o discoteche. Un test negativo non basta più.

Si tratta di una misura che chiaramente non è stata accolta bene da tutti, in particolare dagli albergatori. Ma la Sassonia non sarà sola. Milioni di persone in Germania dovranno presto prepararsi a presentare quasi ovunque il certificato Covid o... a stare fuori dalla porta.

Nel Baden-Württemberg (incidenza di 7 giorni: 256,9, al 9.11., fonte: RKI) e in Baviera (incidenza di 7 giorni: 348, al 9.11., fonte: RKI), le regole 2G sono già parzialmente in vigore. Sono invece all'ordine del giorno, tra gli altri posti, a Berlino e Brandeburgo.

Il 2G è possibile ovunque dove i tassi di infezione sono alle stelle e le cliniche sono piene. In Sassonia e Baviera, un letto di terapia intensiva su cinque è già occupato da pazienti Covid e in alcune regioni non ci sono più letti di terapia intensiva liberi. Interpellato da blue News, il Ministero degli affari sociali della Sassonia cita poi anche il grado di ospedalizzazione e l'occupazione dei letti di terapia intensiva come criteri decisivi per l'introduzione delle misure 2G.

Tenere d'occhio le ospedalizzazioni

Anche in Svizzera, «il numero di ricoveri ospedalieri è in aumento», conferma Virginie Masserey, «ma non così velocemente come il numero di infezioni». Tuttavia, mentre la maggior parte dei nuovi casi sono segnalati tra i giovani adulti, i ricoveri in ospedale riguardano soprattutto le persone anziane.

Rudolf Hauri sottolinea in un'intervista a blue News: «Teniamo d'occhio in particolare le ospedalizzazioni. Se notiamo aumenti significativi, allora si dovranno esaminare ulteriori misure». «Il problema della pandemia - ha detto Masserey ai media a Berna - è che il virus sta circolando molto velocemente e rapidamente».

La valutazione è condivisa dal professore di farmacia di Saarbrücken Thorsten Lehr. «Onestamente non abbiamo molto tempo per stare a osservare mentre precipitiamo verso il precipizio», ha detto l'esperto di previsioni Covid alla Deutsche Presse-Agentur. La regola del 2G potrebbe prevenire i contatti a rischio e aumentare la disponibilità degli indecisi a farsi vaccinarsi.

Il 2G aiuta la campagna di vaccinazione

In Austria sembra infatti funzionare. Come sperato dal Governo, molte persone hanno deciso di farsi vaccinare nel fine settimana, quindi all'ultimo minuto prima del lockdown per i non immunizzati, riferisce l'agenzia di stampa DPA. Solo sabato, il Ministero della Salute ha registrato quasi 32.000 vaccinazioni, portando le statistiche settimanali a 213.000. L'ultima volta che sono state somministrate così tante dosi è stato all'inizio di agosto.

L'effetto collaterale desiderato della discussione sul 2G può essere osservato anche in Germania: i numeri delle vaccinazioni stanno salendo, anche in Sassonia, dove finora vi era il più basso tasso di immunizzati in Germania. E la domanda aumenta un po' ovunque: nel Baden-Württemberg, a Berlino, nella Bassa Sassonia o nel Meclemburgo-Pomerania Occidentale.

In alcuni casi, i centri di vaccinazione, per esempio a Greifswald nel nord del Paese, sono stati «completamente presi d'assalto per giorni». Nelle risposte personali, l'uso crescente del 2G è stato citato come motivo della decisione di farsi vaccinare, ha riferito il portavoce Christoph Wohlleben.

Per Lehr questo è proprio lo scopo della 2G: «Credo che possiamo ottenere un aumento dal 5 al 10% di persone che decidono di farsi vaccinare». Ma al momento ciò non sembra toccare le autorità decisionali svizzere. Hauri spiega infatti: «Qui ci stiamo concentrando sull'educazione e sulla campagna di vaccinazione».

*Tutti i dati sono del 9.11.

**L'UFSP dà regolarmente l'incidenza per la Svizzera come valore di 14 giorni (al 9.11.: 332.1).

Con materiale delle agenzie di stampa dpa e ATS.