Nuovi sistemi di difesa presto provati

ATS

7.8.2019 - 10:57

La società americana Raytheon è in corsa per fornire all'esercito svizzero il nuovo sistema di difesa terra-aria.
Source: KEYSTONE/AP/ELISE AMENDOLA

L'esercito svizzero inizierà presto a provare i due sistemi radar in lizza per rinnovare il sistema di difesa terra-aria a lunga gittata. L'acquisto è legato al programma di acquisizione di nuovi aerei da combattimento.

Sono in gara il Patriot della società americana Raytheon e il SAMP/T del consorzio francese Eurosam. I test si svolgeranno presso l'ex centro di formazione Menzingen, nel cantone di Zugo, ricorda un comunicato odierno del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS).

Il sistema Patriot sarà provato dal 19 al 30 agosto e il SAMP/T dal 16 al 27 settembre. In totale saranno svolte dieci missioni per effettuare misurazioni a terra e per sondare lo spazio aereo alla ricerca di aerei dell'aviazione militare. I test non comprendono le prove di tiro. Non ci saranno prove nei giorni festivi o nei fine settimana, promette l'esercito.

L'obiettivo è di verificare le capacità dei sensori del sistema radar e di provare i dati delle offerte ricevute. La decisione spetta al Consiglio federale. Da quando il sistema Bloodhound BL-64 è stato disattivato, nel 1999, c'è stata una lacuna nella difesa terra-aria a lungo raggio. L'area da coprire deve essere di almeno 15'000 km2. Il sistema deve raggiungere un'altitudine di impiego di oltre 12'000 metri e una portata superiore ai 50 chilometri. Non è necessario disporre di una capacità di difesa con missili balistici.

Tornare alla home page

ATS