«Ora più che mai, non mi farò vaccinare»

Di Uz Rieger

12.9.2021

Adolescenti e giovani adulti fanno festa in un club durante la pandemia di Corona. (Immagine simbolica)
Adolescenti e giovani adulti fanno festa in un club durante la pandemia. (Immagine simbolica)
KEYSTONE

Chi si oppone alla vaccinazione si contatta sui social per farsi contagiare dal Covid-19. Con l'allargamento dell'utilizzo del certificato obbligatorio per tutti i maggiori di 16 anni, i messaggi in questo senso stanno facendo il giro anche tra i giovani. Una pratica che li mettono in conflitto con i loro genitori.

Di Uz Rieger

12.9.2021

Richieste come «Se qualcuno risulterà positivo al Covid in un prossimo futuro: mi contatti! Anche io ho bisogno di un certificato» sono in aumento sui social media, come riporta il «20 Minuten». Il motivo del rifiuto del vaccino è la pressione esercitata sugli individui dallo Stato e dai media.

Matthias M.*, preoccupato padre di una sedicenne, conferma a «blue News» che anche sua figlia riceve richieste e offerte tramite WhatsApp o Snapchat. «Mia figlia non vuole fare la vaccinazione prescritta dallo Stato e dice che può benissimo immaginare di farsi tossire addosso da qualcuno con il Sars-CoV-2. Gli ho fatto notare più volte i rischi di un simile approccio, ma i miei avvertimenti cadono nel vuoto».

Berger mette in guardia contro il contagio

In un'intervista a «blue News», Christoph Berger, presidente della Commissione svizzera per le vaccinazioni, mette in guardia dal provocare deliberatamente l'infezione. «È pericoloso», sottolinea l'infettivologo dell'ospedale pediatrico di Zurigo. È vero che molti giovani in questa fascia d'età fanno un decorso lieve con il covid. «Ma - precisa - molti non sono tutti».

«I giovani possono anche ammalarsi in maniera grave con PIMS (sindrome infiammatoria multisistemica in età pediatrica ndr.) e il Long Covid», spiega Berger. «Di sicuro non hanno questo rischio con la vaccinazione».

Non bisogna poi solo soppesare il rischio di una malattia grave contro un grave effetto collaterale della vaccinazione, ma anche il fatto che chi si ammala volontariamente può infettare tutti gli altri, non solo i giovani sani, ma anche persone anziane e malate. «Anche questo non succede con la vaccinazione».

Secondo Matthias M., l'inasprimento del requisito di certificazione in vista del crescente numero di casi ha indurito la posizione di suo figlio. Ieri ha detto chiaramente: «Ora più che mai non mi farò vaccinare».

Genitori di fronte a un dilemma

Per lui, come genitore, questo è un «enorme dilemma». Da un lato, capisce la reazione di sfida tipica della giovinezza ed è anche consapevole che a questa età si vuole stare insieme agli altri. Allo stesso tempo, dice, «sono preoccupato che si infetti, anche se naturalmente ho la speranza che la prenda bene».

Per disinnescare il conflitto, Matthias M. avrebbe gradito che il Consiglio federale, come ha fatto il presidente Parmelin a febbraio, non solo avesse lodato la «solidarietà e la perseveranza» dei giovani, ma avesse anche esentato in particolare i 16enni e i 17enni dall'estensione dell'obbligo del certificato.

Comportamento più rischioso

Il fatto che i giovani di tutte le età sentano il disagio delle restrizioni è probabilmente dovuto alla consapevolezza degli esperti che essi hanno un bisogno particolarmente forte di contatti sociali, talvolta rischiosi.

Alla domanda sul perché i ragazzi di 16 e 17 anni, non quindi ancora maggiorenni, sono soggetti ai requisiti di certificazione più severi, Christoph Berger sospetta che le ragioni siano meno epidemiologiche. Secondo lui, è più probabile che sia dovuto al comportamento di questa fascia d'età, per esempio poiché escono di più. «Si comportano molto più come adulti, poi hanno anche più obblighi, proprio come i maggiorenni», dice Berger.

Ricerca di indipendenza e autonomia

Lo psicologo ed esperto educativo zurighese Allan Guggenbühl conferma a «blue News» che molti adolescenti in questa età sono alla ricerca di indipendenza e autonomia, insieme alla ricerca di uno «stimolo». Per loro, la sensazione di «invulnerabilità» giovanile si traduce nell'idea che il Covid non sia particolarmente pericoloso per loro, spiega il capo dell'Istituto di gestione dei conflitti di Zurigo.

Inoltre, c'è qualcosa di «leggermente ribelle», secondo cui gli adolescenti di questa età non vogliono sottoporsi alla vaccinazione perché la percepirebbero come una restrizione della loro autonomia.

«I giovani non vogliono essere incoraggiati per niente»

Guggenbühl dice che anche lui vede un'intenzione tra alcuni giovani di essere infettati piuttosto che vaccinati. Non è però sicuro di quanti di loro si limiterebbero a «postare» sui social e poi non farebbero effettivamente l'annuncio. Ha la sensazione che potrebbero non essere molti. «Ma non posso ancora giudicarlo in modo definitivo».

Sulla questione se le autorità dovrebbero coinvolgere i giovani in modo diverso e incoraggiarli a farsi vaccinare, l'esperto dice: «Il problema è che i giovani non vogliono essere incoraggiati. Naturalmente, questo dovrebbe essere provato, ma funziona solo in misura molto limitata».

La comunicazione deve essere chiara

È importante essere chiari e comunicare: «La situazione è questa e voi dovreste vaccinarvi». La società lo richiede. È sicuramente difficile, ma si applica questo: «Se in Svizzera non ti vaccini, allora non puoi andare al ristorante o al bar. Semplice».

I genitori devono anche segnalare ai loro figli che non si tratta solo di loro, ma che devono anche rendere un servizio per la comunità, dice Guggenbühl. Deve essere chiaro un concetto: «Ora è da egoisti rifiutare la vaccinazione».

* Nome noto ai redattori.