Pandemia

Perché, dopo tutto, un critico della vaccinazione potrebbe farsi vaccinare

Julia Käser

2.5.2021

immagine d'illustrazione
immagine d'illustrazione
Ti-Press

Il professionista della salute Martin* non è sicuro di voler essere vaccinato contro il Covid. In un'intervista a «blue News», descrive le sue preoccupazioni e spiega cosa potrebbe convincerlo, dopo tutto, a farsi vaccinare.

Julia Käser

2.5.2021

Martin* lavora nel settore sanitario in una grande città della Svizzera tedesca. Sta vivendo la pandemia di Covid-19 in prima persona sul lavoro, anche se non in prima linea nel reparto di terapia intensiva. Tuttavia, ha dei colleghi che si occupano dei malati di coronavirus giorno dopo giorno. «Fa un certo effetto quando ti raccontano dei pazienti», dice.

Eppure, Martin è più scettico dei suoi colleghi e s’interroga molto su quello che provoca il virus. Data la sua esperienza e competenza nel settore della sanità, dice che trova alcune conseguenze confuse o addirittura illogiche. Ciononostante, Martin si attiene alle misure per proteggere gli altri, ciò è importante per lui.

A differenza dei suoi colleghi, all’inizio era anche critico nei confronti della vaccinazione. «Per la stragrande maggioranza, è stato subito chiaro che volevano assolutamente essere vaccinati».

Il breve tempo di sviluppo lo ha sorpreso

Non così per Martin. Si è chiesto: «Com'è possibile che le aziende farmaceutiche di solito sottolineino che il tempo di sviluppo di un vaccino richiede fino a dieci anni e ora, all'improvviso, è così veloce?». Dice di essere consapevole del fatto che gli esperti stanno facendo ricerche sui vaccini mRNA da un po' di tempo, ma la velocità lo sorprende ancora.

Martin non è solo nel suo scetticismo. In un'intervista a «blue News» (in tedesco), la biochimica ungherese Katalin Karikó ha spiegato recentemente che ha fatto ricerche sull'mRNA per 20 o 30 anni. Poiché la tecnologia è stata utilizzata per anni, la specialista ha spiegato bene come «un vaccino contro il coronavirus potrebbe essere sviluppato praticamente da un giorno all'altro».

Inoltre, mentre le diverse fasi di sviluppo del vaccino sono normalmente effettuate una dopo l'altra, nel caso del Covid si sono svolte in parallelo. Le risorse sono state condivise in tutto il mondo per trovare un preparato sicuro ed efficace il più rapidamente possibile.

Ha firmato per la vaccinazione, ma ...

Più ancora del breve tempo di sviluppo, Martin è turbato da qualcos'altro: «I possibili rischi della vaccinazione sono davvero presi in considerazione a sufficienza?» Da un lato, i gruppi a rischio sono protetti dal virus con le misure d'igiene e di distanziamento sociale, ma allo stesso tempo sono esposti a una vaccinazione le cui conseguenze a lungo termine non possono essere stimate più di quelle della malattia stessa.

Swissmedic, l'autorità farmaceutica incaricata di autorizzare i vaccini, considera il loro rapporto rischio-beneficio positivo. Fino al 20 aprile, Swissmedic ha ricevuto un totale di 1'485 rapporti di sospetti effetti collaterali. Questo corrisponde a circa un rapporto ogni mille dosi somministrate. Due terzi dei casi sospetti riguardavano effetti collaterali non gravi.

Martin ha recentemente firmato per una vaccinazione contro il Covid nonostante questi dubbi iniziali. Da un lato lo ha fatto a causa del suo ambiente di lavoro, dall’altro, per ragioni opportunistiche: «Se devo essere vaccinato, preferisco farlo ora con un vaccino mRNA che più tardi con il vaccino di Astrazeneca, per il quale sono stati riportati gravi effetti collaterali».

Il vaccino AstraZeneca

In Svizzera, il vaccino di Astrazeneca non è attualmente autorizzato. Swissmedic sta aspettando da diverse settimane i dati necessari. Il Consiglio federale ha già assicurato in anticipo 5,3 milioni di dosi di AstraZeneca. In seguito a casi isolati di trombosi venosa cerebrale, le vaccinazioni sono state temporaneamente sospese in alcuni Paesi e sono ora raccomandate senza restrizioni solo per le persone oltre i 60 anni in Germania, per esempio. Dopo un nuovo esame, l'Agenzia europea dei medicinali (EMA) presume che tali trombosi si verificano molto raramente - in circa 0,001 per cento delle vaccinazioni. Stimano che il rischio posto dalla malattia di Covid 19 sia significativamente più alto.

Effetti collaterali?

E cita un'altra ragione: i privilegi della vaccinazione di cui tutti parlano in questo momento. Anche se Martin spera che questi non vengano introdotti in futuro, si prepara: non poter assistere a un concerto o andare in un club in futuro è fuori questione per lui.

Tuttavia, Martin non è ancora del tutto convinto della sua decisione: «Ho sentito sempre più persone che hanno dovuto lottare con gravi effetti collaterali, soprattutto dopo la seconda inoculazione».

Qui gli esperti danno il via libera, per così dire: i sintomi influenzali o il cosiddetto «braccio indolenzito» sono conseguenze normali e persino desiderate della risposta immunitaria, ha spiegato per esempio Christoph Berger, capo della Commissione svizzera per le vaccinazioni, all'inizio della campagna nazionale di vaccinazione.

«Fanno parte della reazione del sistema immunitario al vaccino e dimostrano che funziona». Soprattutto con la seconda iniezione, questi effetti collaterali sono un po' più frequenti - perché la risposta del sistema immunitario è più veloce e più forte grazie alla prima vaccinazione.

La questione della responsabilità

Martin non è ancora sicuro. E c'è un altro punto che lo fa abbrabbiare: perché le aziende farmaceutiche non sono responsabili per i casi veramente gravi di effetti collaterali, ma lasciano questo compito allo Stato?

In effetti, non è del tutto chiaro chi è responsabile di qualsiasi danno dal vaccino. L'Ufficio federale della salute (UFSP) sottolinea che ai vaccini anti-Covid si applicano le stesse regole di responsabilità come agli altri medicinali. Questo significa che in linea di principio il produttore del vaccino è responsabile. Tuttavia, è possibile che la Confederazione «partecipi sussidiariamente ai costi».

In concreto significa che può impegnarsi contrattualmente a compensare certe perdite subite da un produttore a causa della sua responsabilità. L'UFSP non dice se questo è il caso dei vaccini Covid - per ragioni legate ai negoziati sui contratti.

Imparare a vivere con il virus

L'estate scorsa, Martin ha partecipato ad una manifestazione di «Corona-scettici». «Lo scopo della partecipazione per me era di mostrare che bisogna anche essere e rimanere critici». Nel frattempo, dice, i partecipanti sono troppo spesso accomunati alle persone dei circoli di estrema destra. «Eppure l'atmosfera era tranquilla. Ci si sentiva in qualche modo compresi».

Per Martin, si tratta soprattutto di fare delle domande, sottolinea. È tanto critico nei confronti dei video di teorie cospirative che circolano sui social media quanto lo è nei confronti di alcune misure anti-Covid.

Nel frattempo, si chiede se ci sono altre strade per tornare alla normalità oltre alla semplice vaccinazione. «Dobbiamo imparare a vivere con il virus. Ciò significa anche assumersi più responsabilità noi stessi, avere voce in capitolo su come vogliamo essere protetti e non lasciare tutto allo Stato».

*Il nome della persona è stato cambiato ma è noto alla redazione