Pesticidi: i piccoli agricoltori sostengono l'iniziativa

vf, ats

20.4.2021 - 12:05

Il mondo contadino è diviso sull'iniziativa "Per una Svizzera senza pesticidi di sintesi".
Keystone

Il mondo agricolo è diviso sulle iniziative in votazione il 13 giugno. L'Unione svizzera dei contadini raccomanda due no, mentre Demeter, Bio Suisse e l'Associazione dei piccoli agricoltori (VKMB) sostengono «Per una Svizzera senza pesticidi di sintesi».

vf, ats

20.4.2021 - 12:05

Gli agricoltori che non usano pesticidi di sintesi dimostrano che è possibile essere economicamente redditizi pur proteggendo la salute pubblica e l'ambiente, hanno detto le tre organizzazioni in una conferenza stampa a Kirchlindach (BE). Demeter promuove l'agricoltura biodinamica, Bio Suisse rappresenta gli agricoltori biologici e VKMB parla a nome di 8.000 famiglie di agricoltori.

Oggi, i pesticidi di sintesi sono ovunque. Riducono la fertilità del suolo, impoveriscono la biodiversità e danneggiano la nostra salute, ha dichiarato Christian Vessaz, viticoltore e membro di Demeter. Per lui, che è passato con successo all'agricoltura biodinamica dal 2013, «è fondamentale che i nostri suoli e le nostre acque conservino la loro capacità di produrre cibo sano. Questo obiettivo può essere raggiunto solo fermando l'uso della chimica di sintesi».

L'iniziativa offre l'opportunità di indirizzare la politica agricola – attualmente in fase di stallo in Parlamento – in una direzione sostenibile, ha aggiunto il consigliere nazionale Kilian Baumann (Verdi/BE).

Il testo chiede il divieto dei pesticidi di sintesi sia in agricoltura che nella manutenzione di aree come giardini privati, parchi pubblici e binari ferroviari. La disposizione vale anche per tutte le derrate alimentari importate in Svizzera, evitando così una disparità di trattamento per gli agricoltori svizzeri, sottolinea Bio Suisse.

Il mondo agricolo ha dieci anni per cambiare le sue pratiche, un tempo sufficiente per adattarsi ed evitare che alcune aziende rimangano indietro, secondo Regina Fuhrer-Wyss, presidente dell'associazione VKMB. La ricerca dovrà anche lavorare su soluzioni per una produzione e un'industria alimentare sostenibile, ma redditizia.

Divisi sull'acqua potabile

Le tre organizzazioni hanno invece posizioni diverse sulla seconda iniziativa «Per acqua potabile e il cibo sano». Bio Suisse raccomanda di respingere l'iniziativa, mentre Demeter e l'Associazione dei piccoli agricoltori lasciano libertà di voto.

«Sosteniamo la direzione generale di questa seconda iniziativa, ma l'iniziativa per il divieto dei pesticidi è la variante migliore secondo noi», ha detto a Keystone-ATS Patricia Mariani, co-direttrice di VKMB. Tiene conto delle importazioni e si rivolge a tutti gli utilizzatori di pesticidi.

L'USC contraria

L'Unione svizzera dei contadini (USC) respinge entrambe le iniziative che giudica «estreme». Quella sui pesticidi di sintesi è incompatibile con le regole dell'OMC, sottolinea. C'è da temere quindi che venga applicata solo alla Svizzera, creando un enorme svantaggio competitivo per l'agricoltura elvetica. Farebbe inoltre lievitare i prezzi, poiché i costi della produzione biologica sono più alti.

«Per acqua potabile e il cibo sano» causerebbe enormi problemi agli allevamenti di pollame e di maiali, dato che queste aziende spesso non sono in grado di procurarsi il proprio foraggio. Gli agricoltori si troverebbero allora di fronte a un dilemma: rinunciare ai pagamenti diretti per continuare a lavorare o dovrebbero abbandonare determinate attività, aumentando la dipendenza dalle importazioni, afferma l'USC.

vf, ats