Gössi critica il referendum contro la legge sul CO2

ATS

31.10.2020 - 11:43

La presidente del PLR Petra Gössi all'assemble dei delegati digitale
Source: KEYSTONE/ALEXANDRA WEY

La presidente del PLR Petra Gössi ha criticato il referendum degli attivisti per il clima contro la legge sul CO2, durante l'assemblea dei delegati online, in corso a Lucerna. A suo avviso il disegno di legge è un compromesso ragionevole.

La legge sul CO2 è combattuta non solo da una parte degli attivisti ecologisti, ma anche dall'UDC e da associazioni di categoria per motivi diametralmente opposti. Se il progetto verrà respinto, non si saprà quale delle due versioni ha avuto la meglio, ha affermato Gössi. La Svizzera non potrebbe più partecipare all'accordo sul clima di Parigi.

Gössi ha rinunciato al classico discorso del presidente di partito e ha chiesto al vicepresidente, Philippe Nantermod, di prendere la parola.

Critiche al Consiglio federale

Per quanto riguarda la pandemia di coronavirus, Gössi ha criticato il fatto che il governo federale non abbia introdotto un sistema per meglio spiegare cosa succede quando il numero di casi aumenta o diminuisce. Ora è importante che il numero di infezioni diminuisca e tutti devono rispettare le misure in vigore.

Per Gössi, il mantenimento dei posti di lavoro è la ragione principale per respingere l'Iniziativa per imprese responsabili. Il testo, in votazione il 29 novembre, è dannoso per l'economia, ha aggiunto, deplorando il fatto che la campagna non si svolge su fatti obbiettivi, ma sulla base di un dibattito emotivo che divide la società in buoni e cattivi.

Tornare alla home page

ATS