Svizzera

L'inflazione fa salire i prezzi di caffè, pane e piscine

nw, ats

5.5.2022 - 11:38

A causa dell'inflazione, tra le altre cose, il prezzo del pane tostato è aumentato bruscamente.
A causa dell'inflazione, tra le altre cose, il prezzo del pane tostato è aumentato bruscamente.
Keystone

In aprile in Svizzera l'indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,4% rispetto al mese precedente, attestandosi a 103,3 punti (dicembre 2020 = 100). Su base annua il rincaro è stato del 2,5%, secondo i dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

nw, ats

5.5.2022 - 11:38

Uno dei fattori che hanno influenzato la crescita dell'indice, è l'aumento dei prezzi dell'olio da riscaldamento. Sono però saliti anche i prezzi delle automobili nuove, come quelli dei trasporti aerei. In controtendenza i prezzi dei pernottamenti in hotel e quelli del ramo paralberghiero.

Il dato è conforme alle previsioni degli analisti dell'agenzia AWP, che puntavano su una accelerazione dei prezzi fra il 2,3% e il 2,6% su base annua. La variazione mensile era attesa fra lo 0,1% e lo 0,5%.

Negli ultimi mesi i prezzi non hanno fatto che aumentare, ad esempio a causa della guerra in Ucraina che ha fatto schizzare quelli del petrolio e di certe derrate alimentari. L'inflazione in Svizzera è comunque inferiore rispetto a quella registrata nella zona euro e negli Stati Uniti, grazie alla protezione del franco forte.

L'inflazione fa salire i prezzi di caffè, toast e piscine

Dallo scoppio della guerra in Ucraina, l'inflazione ha continuato a peggiorare. Oltre al caffè e al pane tostato, anche le piscine e le batterie sono diventate più costose.

In Svizzera il tasso di inflazione è attualmente del 2,4%. In un confronto internazionale, tuttavia, se la cava ancora bene. In Germania, l'inflazione è del 7,4% e negli Stati Uniti anche dell'8,4%. La Svizzera beneficia soprattutto del franco forte, il che rende le merci importate più economiche.

Ciò è particolarmente evidente alla pompa di benzina: dallo scoppio della guerra in Ucraina il 24 febbraio, il prezzo della benzina è balzato al di sopra del segno psicologicamente importante di 2 franchi.

Anche i rivenditori svizzeri non possono evitare di adeguare i loro prezzi. «Riceviamo richieste da vari fornitori a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime, della scarsità di materiale di imballaggio e dell'aumento dei costi di trasporto ed energetici», ha detto una portavoce dei media di Coop su richiesta dell'agenzia di stampa AWP. Nel complesso, il mercato è attualmente molto dinamico.

In particolare, il caffè in grani è diventato più costoso di oltre il 10% da Coop dall'inizio dell'anno. Ma anche i prezzi per il pane tostato e le mandorle Prix Guarantie sono aumentati nella gamma a due cifre. Al concorrente Migros, zuppe, salse e bevande in particolare sono diventate più costose. Ci sono stati anche supplementi per il pane.

Interessati anche gli elettrodomestici e i mobili da giardino

Ma i consumatori non devono solo scavare più a fondo nelle loro tasche per i beni di uso quotidiano. Presso le aziende Interdiscount e Microspot, che appartengono a Coop, i «prodotti grandi e voluminosi» come microonde, macchine da caffè, stampanti, televisori e grandi elettrodomestici sono particolarmente colpiti dagli aumenti dei prezzi. Tuttavia, questi resterebbero nell'intervallo percentuale a una cifra.

Anche la controllata Migros Digitec Galaxus ha adeguato alcuni dei suoi prezzi, in particolare quelli per i prodotti che provengono da lontano e per i quali i prezzi delle materie prime sono aumentati notevolmente. Oltre alle batterie, questo include anche mobili da giardino, barbecue o piscine, come ha spiegato un portavoce. Una confezione da 40 di batterie AA ora costa circa un quarto in più da Digitec rispetto a marzo.

Nei grandi magazzini zurighesi Jelmoli, i cosmetici e i prodotti d'arredo sono i più colpiti dagli aumenti. Anche il grande magazzino bernese Loeb ha registrato aumenti di prezzo fino al 10% nel campo dell'hardware. Tuttavia, i prezzi dei tessuti aumenterebbero di più, fino al 15%. Tuttavia, ci sono prodotti in ogni area che finora sono stati risparmiati dall'inflazione, ha detto Loeb.

I prezzi fluttuano

Ma i prezzi possono anche andare nell'altra direzione. In alcuni casi sono infatti anche scesi - in parte grazie al forte franco - o sono fluttuati avanti e indietro. Dopo che una piscina Intex costava 140 franchi da Galaxus alla fine di aprile, il prodotto è attualmente disponibile per 100 franchi. Nel frattempo, il prezzo era addirittura sceso a meno di 90 franchi.

E dall'inizio dell'anno, ad esempio, si deve pagare meno per le schede grafiche. Tuttavia, queste erano diventate enormemente più costose dopo lo scoppio della pandemia, perché la domanda era salita alle stelle a causa dei lockdown e dell'home-office diffuso.

Da Coop, i prodotti vegan in particolare sono diventati circa un quinto più economici dall'inizio dell'anno. Ciò è legato alla strategia di offrire prodotti a base vegetale a un prezzo inferiore. «In parte, si stanno facendo investimenti anche in queste riduzioni di prezzo», ha detto la portavoce ai media.

nw, ats