La mutazione si diffonde

Quanto è in pericolo la Svizzera con la variante delta?

Di Anne Funk

26.6.2021

Gli svizzeri stanno affrontando un ulteriore allentamento. La diffusione della variante delta potrebbe mettere in pericolo l'attuale buona situazione pandemica nel nostro PAese?
Gli svizzeri stanno affrontando un ulteriore allentamento. La diffusione della variante delta potrebbe mettere in pericolo l'attuale buona situazione pandemica nel nostro PAese?
KEYSTONE

La proporzione della variante delta sta aumentando in tutto il mondo, e in Svizzera rappresenta già circa il dieci per cento delle nuove infezioni. Quanto è alto il rischio reale?

Di Anne Funk

26.6.2021

La situazione pandemica in Svizzera è stabile, con ampie distensioni e passi di apertura in vigore da sabato. Ma le apparenze potrebbero essere ingannevoli? Soprattutto per quanto riguarda la variante delta, c'è preoccupazione, poiché si sta diffondendo sempre di più in molti paesi.

Per esempio, mercoledì sera l'Istituto germanico Robert Koch ha segnalato un raddoppio della percentuale della variante delta, che è classificata come «motivo di preoccupazione», a più del 15% in Germania. Il Regno Unito ha già dovuto rimandare le misure di alleggerimento a causa della forte diffusione della delta, e la capitale portoghese Lisbona è stata chiusa per un intero fine settimana per la stessa ragione.

La delta è molto più contagiosa

Secondo i dati precedenti, delta è la variante di Covid più infettiva conosciuta fino ad oggi. I dati epidemiologici del Regno Unito mostrano un tasso di crescita più elevato per il delta che per la variante alfa scoperta per la prima volta in Gran Bretagna, spiega la dottoressa Pauline Vetter del dipartimento di malattie infettive dell'ospedale universitario di Ginevra in rispondendo alle domande di «blue News».

Mentre per il coronavirus originale si supponeva che, in assenza di misure protettive, una persona infettata avrebbe contaminato in media circa tre o quattro altre persone, per la variante alfa si trattava già di circa cinque altre persone. La delta aggiunge apparentemente un altro 40-60%.

Un rapporto condiviso su Twitter dall'epidemiologo Eric Feigl-Ding su un focolaio delta in Australia ha recentemente fatto scalpore e confermerebbe questo sospetto. Le persone, nel caso citato, si dice siano state infettate in un centro commerciale senza aver avuto un contatto stretto o diretto con una persona malata.

Tali rapporti sono generalmente difficili da valutare, ha detto il Robert Koch Institute alla Deutsche Presse-Agentur (dpa). Una caratteristica centrale della trasmissione tramite aerosol è che si verifica in maniera non osservabile ed è quindi difficile assegnarla a un contatto specifico. Tuttavia, gli alti tassi di infezione nelle famiglie e nei focolai causati dalla delta indicano che la variante è più facilmente trasmissibile di alfa anche senza contatto stretto.

Variante dominante a fine agosto

Che la variante delta sia in aumento è confermato anche dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Secondo un rapporto pubblicato mercoledì, il mutante diventerà presto la causa dominante delle infezioni da Covid.

«È molto probabile che la variante delta circolerà moltissimo durante l'estate», ha detto il direttore dell'ECDC Andrea Ammon. Secondo il rapporto, entro la fine di agosto, il delta rappresenterà il 90% di tutte le nuove infezioni di Sars-CoV-2 nell'UE e nei paesi associati, cioè la Norvegia, l'Islanda e il Liechtenstein.

In Svizzera? La delta causa «un po' di preoccupazione»

Gli esperti si aspettano che la variante delta diventi prevalente anche in Svizzera. Lo stesso accadde quando si diffuse il mutante alfa, che era anche più contagioso dei suoi predecessori.

La Svizzera è in corsa contro la pandemia e le varianti, ha confermato martedì in una conferenza stampa Anne Lévy, direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). «Prima si vaccina, meglio è».

Patrick Mathys, capo della sezione di gestione delle crisi e della cooperazione internazionale all'UFSP, ha anche spiegato in conferenza stampa che la diffusione sta attualmente causando «un po' di preoccupazione».

L'aumento della variante è relativamente chiaro anche in Svizzera negli ultimi giorni. «Dobbiamo supporre che ormai probabilmente circa il dieci per cento o più delle infezioni in Svizzera sono dovute a questa variante», ha detto Mathys.

La vaccinazione completa è fondamentale

Un fattore decisivo per non mettere in pericolo l'attuale buona situazione è quindi il progresso della vaccinazione. Il problema è che solo coloro che sono già stati vaccinati due volte hanno una protezione sufficiente anche contro la variante delta.

«C'è la prova che coloro che hanno ricevuto solo la prima dose di una vaccinazione a due dosi sono meno protetti contro l'infezione con la variante delta rispetto alle altre varianti», dice il rapporto ECDC. Tuttavia, una vaccinazione completa offre una protezione quasi equivalente contro la variante delta.

Inoltre, i dati iniziali dal Regno Unito mostrerebbero che alcuni vaccini proteggono meglio contro la variante delta rispetto ad altri, ha detto Pauline Vetter a «blue News». Il potere protettivo sembra essere maggiore in laboratorio e nella vita reale con il vaccino RNA messaggero che con il vaccino di AstraZeneca.

Così, anche se la variante delta si sta diffondendo sempre di più in Svizzera, la situazione è ora diversa da quando è arrivata la variante alfa nella primavera del 2020. Molte più persone sono state vaccinate e sono quindi ampiamente protette contro la nuova variante.

Nuova preoccupante variante Delta Plus

In India c'è ora preoccupazione per una nuova variante di Covid: la delta Plus. La mutazione della variante delta sarebbe particolarmente contagiosa e si lega più fortemente alle cellule polmonari, secondo un comunicato stampa del Ministero della Salute di Nuova Delhi.

Nel frattempo, circa 40 casi «delta Plus» sono stati registrati in tre stati indiani e altri casi in altri nove paesi, ha detto mercoledì il ministro della salute. I paesi nominati includono Svizzera, Stati Uniti, Cina e Russia, oltre a Polonia, Portogallo e Regno Unito.

Gli scienziati tuttavia spiegano che ci sono ancora pochi dati, e che si vuole indagare più a fondo su questa variante più contagiosa.