Un anno fa la prima iniezione in Svizzera, l'immunologo: «Ora c'è bisogno di vaccini ancora migliori»

Di Gil Bieler

23.12.2021

fsd
Il 23 dicembre 2020, a Lucerna, una signora di 90 anni è stata la prima persona in Svizzera a ricevere la vaccinazione contro il Covid.
Keystone

Da un anno la Svizzera vaccina contro il Covid-19. Allora perché gli ospedali sono ancora pieni? Omicron è in grado di sfondare la protezione vaccinale? L'immunologo Daniel Speiser fa il punto della situazione e spiega le insidie dell'industria farmaceutica.

Di Gil Bieler

23.12.2021

La più grande campagna di vaccinazione nella storia della Svizzera è iniziata esattamente un anno fa, in una casa per anziani di Lucerna. Il 23 dicembre 2020, un'anziana signora di 90 anni è stata la prima persona in Svizzera a ricevere la vaccinazione contro il Covid.

Lo sviluppo da allora è stato rapido: la questione delle vaccinazioni ha aperto spaccature nelle famiglie, tra i gruppi di amici e nella politica. Una parte della popolazione è ancora contraria alle iniezioni, ma la maggioranza ora è vaccinata. Molti di essi anche anche già ottenuto il richiamo nel secondo inverno dominato dal Covid. Da gennaio, anche i bambini di età compresa tra i cinque e gli undici anni potranno venire immunizzati per la prima volta.

Ciò dimostra che la campagna vaccinale è tutt'altro che finita. Il punto della situazione pianificato con l'immunologo Daniel Speiser diventerà quindi rapidamente un inventario delle sfide dell'attuale quinta ondata di infezione e dell'emergente mutazione di Omicron.

Signor Speiser, un anno fa in Svizzera è stata somministrata la prima dose di vaccino contro il Covid, oggi siamo già ai richiami. Ha mai sperimentato uno sviluppo e una consegna di vaccini così rapidi?

Si tratta di una cosa davvero unica. Normalmente lo sviluppo del vaccino richiede molto tempo, per vari motivi. Da un lato, solitamente l'urgenza non è particolarmente grande, dall'altro c'è molto meno sostegno allo sviluppo. Questa volta è completamente diverso.

Informazioni sulla persona
Daniel Speiser
zVg

Daniel Speiser è immunologo all'Università di Losanna ed esperto di vaccini.

È anche eccezionale che lo sviluppo venga effettuato in tutto il mondo e praticamente in tempo reale.

Questo è vero solo in parte. All'inizio della pandemia, due anni fa, i primi vaccini sono arrivati rapidamente sul mercato. Ma da allora, questi preparati sono stati usati e poco di nuovo è emerso. Con Novavax, fortunatamente, è stato aggiunto un vaccino proteico, di cui anche la Svizzera ha ordinato sei milioni di dosi. Ma in realtà, ora il mondo ha bisogno di vaccini ancora migliori, ma sfortunatamente ciò non sta avvenendo. Soprattutto nel nostro paese, dove il sostegno è stato scarso fin dall'inizio.

Che cosa ha fatto di sbagliato la Svizzera?

La Svizzera ha il potenziale per sviluppare e fornire ottimi vaccini. Ma poco è stato fatto su questo tema. Fin dall'inizio, il Consiglio federale si è affidato ai leader internazionali, seguendo soprattutto gli Stati Uniti, che hanno spinto massicciamente i produttori di vaccini nel proprio Paese. Berna si affida agli stessi fornitori della maggior parte dei paesi occidentali. La conseguenza di tutto ciò è che ora gli americani dominano il mercato, il che porta a una minore innovazione. Si potrebbero infatti produrre vaccini ancora migliori.

Sta quindi dicendo che il Consiglio federale ha rinunciato a giocare le sue carte?

Esatto. Pur essendo un paese farmaceutico, il Governo ha mostrato troppo poca leadership.

Per molte persone, lo sviluppo di vaccini contro il Covid sta andando troppo veloce. Riesce a capire queste preoccupazioni?

All'inizio ero in grado di capirlo meglio, ma ora che così tante persone sono state vaccinate in tutto il mondo, questa critica mi è difficile da comprendere. È dimostrato che i vaccini sono sicuri. Certo, è giusto continuare a prestare meticolosa attenzione alla sicurezza. Per inciso, questo va anche di pari passo con la mia richiesta di vaccini migliori: forse la sicurezza può essere aumentata ancora di più. E forse si potrebbe ottenere anche un effetto protettivo migliore e più duraturo. Anche se è giusto chiarirlo: i vaccini mRNA sono efficaci e molto sicuri. Ma probabilmente potrebbero essere ancora migliori.

Vaccini migliori: si tratta di qualcosa di facile da ottonere anche quando si verificano costantemente nuove mutazioni con caratteristiche diverse?

Questo è fattibile, come dimostrano vari studi. Tuttavia, molti risultati della ricerca non provengono dai grandi attori, ma da piccoli team del mondo accademico. Sfortunatamente, queste squadre non sono sostenute. Mancano i necessari investimenti pubblici e privati.

Questo è difficile da credere: anche chi ha un prodotto promettente non ottiene i fondi necessari per portarlo sul mercato?

Esatto. Il bene è nemico del meglio. Gli investitori puntano ad avere un buon rendimento. E quando vedono che puoi guadagnare bene con Pfizer / Biontech o Moderna, preferiscono investire milioni in più lì che in un team di ricerca meno conosciuto.

Ma si può fare un sacco di soldi con i vaccini?

Osserviamo la «normalità», quando non c'è una pandemia che impazza nel mondo. Evidentemente in quel momento lo sviluppo di vaccini non è un campo di attività redditizio. A differenza di una pillola per il mal di testa, ad esempio, che viene venduta miliardi di volte al giorno, le vaccinazioni richiedono solo due o tre dosi a persona. Questo difficilmente fa guadagnare, ed è il motivo per cui solo pochissime aziende farmaceutiche hanno sviluppato nuovi vaccini negli ultimi decenni. Questo è cambiato in un colpo solo quasi due anni, fa con l'arrivo del Covid-19, perché gli Stati hanno iniettato miliardi e gli investitori privati hanno seguito l'esempio. Ma questo era il caso all'inizio, nel frattempo siamo tornati al punto di partenza.

E lei non si aspetta altre grandi innovazioni da Pfizer/ Biontech e Moderna?

Naturalmente questi grandi produttori continuano a sviluppare i loro prodotti, ma per vaccini completamente nuovi e migliori sarebbero necessari anche altri approcci. Aggiungiamo a ciò la vecchia saggezza dell'industria farmaceutica: perché sviluppare un farmaco migliore quando quello vecchio sta andando così bene? Sembra brutale, ma è così.

Come potrebbe essere cambiato?

Il settore pubblico dovrebbe fornire ulteriore sostegno su larga scala e fare affidamento su vaccinazioni ancora migliori. Ne varrebbe la pena se il danno economico causato dalla pandemia fosse molto maggiore dei fondi investiti in essa.

Gli ospedali sono pieni, la vita pubblica è di nuovo limitata. Perché siamo in un punto simile a quello dello scorso inverno?

A causa delle nuove varianti aggressive. Delta è stata in grado di affermarsi in tutto il mondo in poche settimane e ora stiamo assistendo alla stessa cosa con Omicron. Il problema con la maggior parte delle infezioni da coronavirus è che producono una debole risposta immunitaria. Ecco perché puoi facilmente venire infettato di nuovo dallo stesso virus, anche se lo hai già contratto lo scorso inverno, per esempio. C'è comunque una protezione immunitaria che protegge da un decorso grave.

Questo è anche il caso del SARS-CoV-2. Ecco perché abbiamo bisogno di vaccini migliori che proteggano più a lungo. In realtà li abbiamo, ma il virus purtroppo si è specializzato molto perfidamente. Senza Delta o Omicron, oggi avremmo una situazione decisamente migliore.

C'è anche qualcosa che ti rende positivo?

Probabilmente la mortalità non è quasi più aumentata. Omicron sembra essere molto più contagiosa, ma a quanto pare non più mortale. Possiamo essere contenti che questo non sia successo.

La protezione vaccinale vale anche contro Omicron?

Sì, le vaccinazioni funzionano. Si può essere infettati di nuovo, ma si è protetti da un decorso grave della malattia. Questo è l'obiettivo finale. Senza le vaccinazioni, avremmo un numero enorme di morti – forse centinaia di migliaia – e saremmo stati in isolamento completo per settimane. Non si oserebbe più uscire di casa.

La sorprende quante persone siano ancora contro la vaccinazione?

Sì, decisamente sì. La pandemia ha dimostrato che una parte significativa di popolazione non è ricettiva alle informazioni razionali e basate sui fatti. Circa un terzo di essa non utilizza i media tradizionali come giornali, radio o televisione, ma ha i propri canali di informazione. Queste persone si creano la propria realtà. Lo trovo triste. Dopotutto, questa è una malattia pericolosa per la vita, e con la vaccinazione farebbero la loro parte per prevenire grandi sofferenze.

A causa dell'elevata contagiosità di Omicron, alcuni esperti ritengono che questa variante potrebbe portare all'immunità di gregge. Come la vede?

Ci sono ancora molte persone che non sono vaccinate e non sono ancora state infettate. Tutte loro hanno il rischio di non farcela se dovessere venire in contatto con Omicron, la quale non deve comunque venire sottovalutata. Se tutte queste persone dovessero venire infettate questo inverno, avremmo un numero enorme di morti e di malati di Long Covid. Questo non può essere il percorso verso l'immunità di gregge. Solo la vaccinazione ha questo compito, che porta anche a un'immunità più forte e duratura, senza soffrire. Si tratta di proteggere la salute, ma anche l'economia e la vita pubblica: se molte persone si ammalano gravemente, allora dobbiamo chiudere di nuovo tutto. E credo che nessuno lo voglia.

C'è bisogno di un vaccino completamente nuovo contro Omicron?

No. Gli esperti non sono sicuri del fatto che un vaccino modificato potrebbe essere migliore, ma sanno che i prodotti esistenti proteggono molto bene anche contro Omicron. E possono probabilmente essere migliorati a piccoli passi. Stiamo parlando principalmente dei vaccini a mRNA, ma ci sono anche i cosiddetti vaccini proteici come Novavax. Questi potrebbero forse portare a un'immunità ancora più forte, quindi ne abbiamo bisogno di più.

I coronavirus non scompaiono. Quindi dobbiamo abituarci a fare vaccinazioni regolari?

Probabilmente è così. Ma bisognerà valutarlo: la protezione della vaccinazione non torna a zero, al contrario, con ogni richiamo si è protetti ancora di più e ancora più a lungo. Al momento, l'intervallo di tempo dall'ultima iniezione è molto breve, quattro mesi. Spero che presto avremo intervalli di vaccinazione di un anno, forse anche di tre anni.