I bimbi una trappola di povertà?

«Le donne: madri come se non lavorassero e lavoratrici come se non fossero madri»

Di Alex Rudolf

18.6.2022

Una riforma dovrebbe far uscire molte donne e soprattutto le madri dalla «trappola del secondo reddito» (immagine d'archivio).
Christian Charisius/dpa

I bambini sono una trappola per la povertà. Con questa clamorosa affermazione, la consigliera nazionale per il PS Tamara Funiciello apre una discussione. Avere figli è troppo rischioso? L'opinione delle madri.

Di Alex Rudolf

18.6.2022

Quando una donna diventa madre, si innescano numerosi eventi, che la consigliera nazionale del PS Tamara Funiciello descrive come una «trappola della povertà». Il suo consiglio alle giovani donne: «Forse dovreste semplicemente lasciare perdere».

Nonostante gli scioperi delle donne del 1991 e del 2019, la parità dei diritti tra i sessi non è ancora quella auspicata da Funiciello: «Le donne devono essere madri come se non lavorassero, e lavorare come se non fossero madri», dichiara a blue News.

Qual è il rischio di cui parla Funiciello? Oltre alle lacune contributive nel secondo ed eventualmente nel terzo pilastro, se si intraprende una carriera più breve dopo la nascita della prole, subentrano anche altre significative disuguaglianze: «Le donne svolgono lavori di cura non retribuiti per un valore di 248 miliardi di franchi all'anno».

Tamara Funiciello, SP-BE, verfolgt die Debatte waehrend der Sondersession des Nationalrats, am Mittwoch, 11. Mai 2022 im Nationalrat in Bern. (KEYSTONE/Peter Klaunzer)
Tamara Funiciello (PS/BE): «Le donne devono essere madri come se non lavorassero, e lavorare come se non fossero madri» (foto d'archivio).
KEYSTONE/Peter Klaunzer

Anche i giudici federali di Losanna preoccupano le femministe. Una serie di sentenze in casi di divorzio suggerisce che i giudici indeboliranno i pagamenti degli alimenti di vecchia data per le donne divorziate, ritenendo che si tratti di una soluzione paritaria.

Ma la consigliera nazionale Min Li Marti (PS/ZH) non è assolutamente d'accordo e ha detto a blue News: «È come cambiare le regole durante il gioco». Le donne che hanno allevato figli per tutta la vita corrono quindi il rischio di avere pochi soldi nella loro vecchiaia.

Le donne dovrebbero anche tornare al lavoro subito dopo il divorzio e accettare lavori che non corrispondono al loro livello di istruzione. È molto probabile che in tali casi il tenore di vita abituale dovrà essere adeguato al ribasso.

«Le opportunità di carriera tendono a essere pari a zero»

No, non si pente di avere figli, afferma Selina. Ha 46 anni, vive in un quartiere a ovest di Zurigo ed è madre di due figli, di 9 e 13 anni. «Ma quando penso a dove potrei essere professionalmente, una certa rabbia sale», aggiunge. La fotografa freelance, che lavora principalmente nel campo dell'arte, ha alle spalle una tipica carriera da mamma.

Dopo la nascita dei suoi due figli, è rimasta a casa e solo occasionalmente ha accettato incarichi. Ha di nuovo un lavoro a tempo indeterminato da circa sei anni e lavora part-time al 60%. «Le possibilità che avrò ancora una carriera tendono a essere zero».

«Se ci fossero state scuole diurne quando i miei figli erano piccoli, o se gli asili nido fossero stati più economici, probabilmente mi troverei in una situazione professionale diversa», conclude.

Rinunciare ai figli sarebbe stato fuori questione

«Le dichiarazioni della signora Funiciello da un lato sono stupide e dall'altro mostrano che non è consapevole di cosa significhino bambini e famiglia», afferma Verena Herzog (SVP/TG). La consigliera nazionale e politica per la famiglia sottolinea che avere figli non è solo una questione finanziaria.

Sondaggio
Le donne dovrebbero rinunciare ad avere dei figli?

Cosa dice Herzog alle donne che pensano di aver rinunciato a una carriera? «Ci sono sempre situazioni nella vita in cui bisogna prendere una decisione. Crescere i figli è un grande compito che si ama per il resto della propria vita. Non si può avere sempre tutto in una volta».

Si riferisce all'ex consigliera federale Micheline Calmy-Rey, che prima ha avuto figli e poi successo in politica. Il fatto che nessuna delle donne che oggi siedono nel Consiglio federale abbia dei figli passa inosservato.

Ma come sarebbe rinunciare alla maternità? «Il desiderio di avere figli è come il tinnito: non si sente nient'altro»: lo dice Rachelle, madre di due figlie, di sette e cinque anni, che è felice della sua vita. Per lei rinunciare ai figli sarebbe stato fuori questione.

Oggi lavora come copywriter e autrice freelance. Prima dei suoi figli, era una manager nell'industria musicale. Suo marito si occupa del mantenimento della famiglia. «Sono in una posizione privilegiata, ne sono consapevole».