43enne recidiva Una truffatrice inganna l'UFSP e si fa strada nel registro medico ufficiale

phi

11.11.2023

Ospedale di Waldshut-Tiengen: dopo essere stata scoperta nella clinica tedesca, la truffatrice ha tentato la fortuna in Svizzera.
Ospedale di Waldshut-Tiengen: dopo essere stata scoperta nella clinica tedesca, la truffatrice ha tentato la fortuna in Svizzera.
Commons/GerhardSchuhmacher

Una donna di 43 anni, che non aveva mai studiato medicina, è stata iscritta nel registro ufficiale delle professioni mediche. La frode è stata scoperta poco dopo, prima che venissero danneggiate delle persone.

phi

11.11.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Una donna di 43 anni è stata iscritta nel registro ufficiale delle professioni mediche pur non avendo mai studiato medicina.
  • La signora, di origine lituana, ha fatto prima autenticare a Zurigo un certificato di studi italiano contraffatto.
  • Ha poi presentato il documento all'Ufficio federale di Sanità Pubblica (UFSP), dove la commissione competente l'ha iscritta nel registro.
  • La truffatrice è stata scoperta durante un colloquio perché ha allegato altri documenti falsi, spacciati come dell'UFSP.
  • Ora è stata multata e iscritta nel registro penale.
  • Nella primavera del 2022, la donna ha tentato la stessa cosa in un ospedale del Baden-Württemberg.

Il 20 febbraio 2023, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) riceve una lettera da «una persona». Vuole far controllare i documenti di una richiedente che sostiene di aver studiato medicina in Italia. Sebbene il suo diploma sia stato riconosciuto, il medico che lo ha firmato non ne sa nulla. Lavora per l'UFSP di Zurigo.

Le autorità si insospettiscono e controllano i documenti, come riporta il Tages-Anzeiger. In realtà, la 43enne è iscritta al registro ufficiale delle professioni mediche da poco più di un mese. Il 17 gennaio 2023 sarà iscritta all'albo come medico riconosciuto dallo Stato. L'iscrizione fa seguito al riconoscimento dei suoi studi da parte delle autorità di Zurigo e Berna.

La donna, nata in Lituania nel 1980, si è rivolta per la prima volta all'Ufficio comunale di Zurigo 2: il 13 ottobre 2022 ha presentato un certificato che sarebbe stato rilasciato dal Ministero della Salute di Roma nel 2018. Si presumeva che la donna avesse studiato medicina a Salerno fino al 2016.

Quello che l'impiegato di Zurigo non sa è che la presunta dottoressa ha creato il documento sul suo computer. Il papiro è autenticato: «Questa copia corrisponde al documento originale che ci è stato presentato oggi», cita il Tages-Anzeigen.

«Non possiamo controllare se l'originale è autentico»

Solo un giorno dopo, la donna presenta all'UFSP una domanda di iscrizione al registro ufficiale delle professioni mediche, che la commissione competente approva a gennaio. La frode è stata scoperta solo un mese dopo, durante un colloquio in cui sono stati allegati documenti falsi dell'UFSP.

Come è possibile che la donna sia arrivata così vicina al suo obiettivo? Marion Sigg, responsabile dell'ufficio comunale di Zurigo 2, è venuta a conoscenza del caso solo quando è stata contattata dal quotidiano Tages-Anzeiger. «Non possiamo verificare se l'originale è autentico o falso se non è evidente», spiega al giornale. Se avessero riconosciuto delle irregolarità, il documento non sarebbe stato autenticato.

L'UFSP si limita a dire che l'autenticità dei documenti sarebbe stata verificata in caso di dubbi. A quanto pare, in questo caso non ne sono sorti. Nel marzo 2023, l'UFSP ha presentato un reclamo, che ha portato a una sanzione: «L'imputata non ha mai studiato medicina umana», si legge nell'ordinanza.

Pirma aveva ottenuto un posto di medico in Germania

La 43enne deve ora pagare una multa di 2.000 franchi e 1.200 per il decreto penale vincolante per la falsificazione multipla di documenti e l'ottenimento di una falsa autenticazione. Se sarà giudicata colpevole entro i prossimi due anni, dovrà pagare 120 aliquote giornaliere di 80 franchi ciascuna, pari a 9.600 franchi.

In realtà, la donna aveva già tentato la truffa altrove: per due mesi - tra febbraio e aprile 2022 - ha lavorato come medico assistente in anestesia presso la clinica Hochrhein di Waldshut, in Germania. Anche questo lavoro era stato ottenuto con documenti falsi, come riporta il quotidiano Südkurier.

Durante il suo inserimento, tuttavia, è emerso che non era una specialista. Il successivo esame dei suoi documenti ha portato alla luce la frode. La truffatrice non aveva nulla a che fare con i pazienti. L'ospedale ha sporto denuncia e la procura di Waldshut-Tiengen sta indagando.