Vaccinazione

Vaccinazione, l'antropologa sociale: «La solidarietà è auspicabile, ma non è una legge»

Di Gil Bieler

20.1.2022

Lanciato anche l'hashtag #iomifacciovaccinare
La campagna lanciata dalle autorità tempo fa, anche con l'hashtag #iomifacciovaccinare
Ufficio federale della sanità pubblica

Più la pandemia dura, più la coesione si sgretola. Non si può pretendere la solidarietà, dice una docente dell'Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna. Tuttavia, è legittimo fare pressione sui non vaccinati, ad esempio con la regola del «2G», introdotta a metà dicembre.

Di Gil Bieler

20.1.2022

Nel secondo inverno pandemico, un concetto in particolare viene spesso citato: la solidarietà. Viene invocata ovunque, ma sta raggiungendo i suoi limiti. A dimostrarlo anche un sondaggio pubblicato alcune settimane fa dall'istituto di ricerca Sotomo per la Catena della Solidarietà.

Il 36% degli intervistati crede che la solidarietà sia diminuita nel corso della crisi. Nella Svizzera tedesca, ben il 43% la pensa così. Solo il 17% crede che la solidarietà sia aumentata.

«La maschera è caduta», dice Simone Gretler Heusser, antropologa sociale e docente all'Università di Scienze Applicate e Arti di Lucerna. Nella primavera del 2020, la pandemia era un'esperienza nuova per tutti noi. «C'era un sentimento di unione, nel senso di: ‹Dobbiamo stare insieme ora, insieme possiamo farcela›». Questo stato d'animo è ben presto svanito, per diverse ragioni.

«Si può fare qualcosa»

«Da un lato, naturalmente, tutti sono esausti e infastiditi», dice Gretler Heusser a blue News. «D'altra parte, ora sappiamo cosa ogni individuo può fare per proteggersi e contenere il virus». La maggioranza della popolazione sostiene misure come le mascherine obbligatorie e i certificati obbligatori - «spesso brontolando» - semplicemente perché è necessario.

«Ci vacciniamo anche per ridurre il rischio di un decorso grave della malattia e vogliamo che i nostri simili facciano lo stesso. Dopo tutto, si può fare qualcosa».

Ma la vaccinazione in Svizzera è ancora su base volontaria, come sottolineano regolarmente i membri del Consiglio federale. Allo stesso tempo, molte persone sono diventate impazienti con i non vaccinati e la pressione su di loro nei mesi è aumentata.

Basti pensare alla decisione di metà dicembre del Consiglio federale di estendere la regola delle «2G», che consente solo a vaccinati (Geimpft) e guariti (Genesene) l'accesso ad esempio all'interno di ristoranti, bar o musei. 

Una società può escludere una parte relativamente grande in questo modo? La ricercatrice pensa di sì. «La decisione di introdurre il 2G era completamente appropriato alla luce della situazione. Naturalmente, questo vale solo per il tempo libero, non per le esigenze di base come la spesa o il trasporto pubblico. Con il 2G, la politica ha cercato soluzioni differenziate per mantenere la vita quotidiana con restrizioni. L'alternativa sarebbe stato un blocco totale».

Non è affatto detto che le persone vaccinate non debbano accettare alcuna restrizione: «Anche per me era ovviamente più piacevole quando non dovevo indossare una mascherina al lavoro. Ma ora mi tocca indossarne una di nuovo».

«La vaccinazione è anche una decisione sociale»

La vaccinazione obbligatoria in certi settori lavorativi sarebbe anche giustificabile, pensa l'antropologa sociale: «Se si lavora con persone anziane e fragili, per esempio, non ci si dovrebbe nemmeno dover porre la questione».

La richiesta di vaccinazione obbligatoria per il settore sociosanitario, per esempio, sta diventando sempre più forte. Eppure, coloro che decidono di non immunizzarsi non stanno facendo nulla di male.

Questo solleva la domanda: Si può esigere la solidarietà? «No, non si può», dice Gretler Heusser. «La solidarietà è auspicabile, ma non è una legge. Non si ottiene con la coercizione, ma con la convinzione». Gli attori della politica e della sanità devono rendere consapevoli i non vaccinati sulle conseguenze del loro atteggiamento.

Gretler Heusser è scettica su un obbligo generale di vaccinazione, come deciso da Austria e da Italia, anche se al momento solo per una parte della popolazione. Tuttavia, questo non esclude la possibilità di rendere la l'immunizzazione obbligatoria per alcuni gruppi professionali: «Perché c'è anche un aspetto di sicurezza».

In generale, l'esperta pensa che l'argomento secondo il quale la vaccinazione è una decisione puramente personale non regge: «La vaccinazione è anche una decisione sociale. Anche tu prendi una decisione per la società, che ti piaccia o no».