Vallese, nessuna frode elettorale il 7 marzo

SDA

8.4.2021 - 14:41

Non vi è stata alcuna frode elettorale in Alto Vallese durante le recenti elezioni cantonali: è la conclusione cui è giunto il Ministero pubblico dopo aver indagato in proposito. Il caso è quindi oggetto di un'ordinanza di non entrata in materia.

Les deputes valaisans photographies lors de l'ouverture de la session extra-muros du Grand Conseil du canton du Valais en respectant les distances sociales lors pandemie de Coronavirus (Covid-19 ce lundi 15 juin 2020 a la Simplonhalle de Brigue Brig. (KEYSTONE/Laurent Gillieron)
Nell'immagine d'archivio alcuni deputati vallesani durante l'apertura della seduta extra-muros  del Gran Consiglio, lo scorso 15 giugno 2020. alla Simplonhalle di Briga.
KEYSTONE

SDA

8.4.2021 - 14:41

Le indagini hanno permesso di identificare l'autore dei fatti denunciati dal comune di Briga-Glis (VS) il 7 marzo, giorno delle elezioni del Gran Consiglio vallesano. «Il suo comportamento non è stato considerato come un reato penale», ha comunicato la procura vallesana.

Al momento dello spoglio delle schede, il comune aveva notato che «diverse liste del CSPO/GLP (cristiano-sociali e Verdi liberali) erano state modificate in modo simile durante il voto». In totale, 49 liste per la deputazione e supplenti erano interessate.

Schede compilate con il consenso

L'indagine ha dimostrato che una persona dell'entourage personale e professionale degli elettori ha compilato la loro scheda elettorale, ma con il loro consenso.

Gli elettori interessati hanno firmato le loro schede di voto e poi gli hanno consegnato il loro materiale di voto, o addirittura l'hanno compilato con lui. Il loro voto era conforme alla loro volontà, precisa il Ministero pubblico. Gli elementi di frode elettorale e incetta di voti non sono quindi soddisfatti.