Googling, shopping e twinting per gli anziani: è così semplice

In collaborazione con TWINT

9.3.2021

In collaborazione con TWINT

9.3.2021

Gli anziani si avvalgono sempre più spesso delle possibilità offerte dagli smartphone.
ZVG

Un nuovo sondaggio rivela che in Svizzera gli anziani stanno rapidamente imparando ad apprezzare i vantaggi dei servizi digitali, dagli orari online dei mezzi di trasporto, all’intrattenimento, fino ai pagamenti con Twint.

Su Internet si registra il «sorpasso» delle persone anziane: in Svizzera, nel corso degli ultimi dieci anni, il numero dei digital senior è quasi raddoppiato. Questo è quanto si evince da un nuovo studio di Pro Senectute, secondo il quale già tre quarti degli over 65 utilizzano Internet.

Annelies è una di loro (81 anni). «Gli ausili digitali mi facilitano molto la vita», racconta la pensionata. «Me ne servo molto, per navigare con Google, per le previsioni del tempo, per l’e-banking, per le videochat con le mie sorelle e mio fratello o anche per motivi nostalgici, quando riguardo le vecchie foto». Anche le sue sorelle e suo fratello sono utenti digitali e si avvalgono dei servizi online: dalla compilazione della dichiarazione d’imposta alla ricerca di ricette, fino alla ricerca di hotel o allo shopping online.

20 acquisti gratis in palio a marzo

Pagare con TWINT a marzo è ancora più conveniente del solito: ogni settimana rimborseremo cinque acquisti per un valore massimo di 250 CHF. Basterà fare shopping online dal 1° al 31 marzo 2021 e pagare con TWINT: con un po' di fortuna, questo acquisto sarà gratuito. Non dimenticare di attivare prima la partecipazione al concorso nell’app!

Partecipa ora

Annelies, le sue sorelle e suo fratello sono in buona compagnia: il 69 per cento delle persone anziane utilizza uno smartphone, l’81 per cento di esse quotidianamente. Dal 2014 la fruizione di Internet mobile è più che raddoppiata, dal 31 per cento al 68 per cento. Oggi, gli anziani offline sono in minoranza e per la maggior parte hanno più di 80 anni.

I «golden ager» sono un importante gruppo target

Basta dare uno sguardo ai temi che, secondo Pro Senectute, interessano le persone anziane per rendersi conto di quanto le loro competenze digitali siano migliorate. Se vent’anni fa l’interesse verteva soprattutto sulla guida all’uso del computer o del modem, oggi l’attenzione è rivolta verso la messaggistica istantanea, i braccialetti fitness, la creazione di album fotografici, il ticketing e non da ultimo verso la registrazione delle carte di credito.

Anche per quanto concerne l’e-commerce, infatti, gli anziani sono in fase di accelerazione. I «golden ager» sono ormai considerati un gruppo target molto importante per il commercio online. Da uno studio condotto in Germania emerge che già più di un acquirente online su tre è un over 60. Trend in salita – naturalmente ancor più accentuato a seguito della pandemia di COVID-19.

TWINT: semplice e sicuro

Questa tendenza si osserva anche nel mobile payment. Un recentissimo studio della scuola universitaria professionale di Lucerna sull’argomento rivela che il pagamento mobile non interessa esclusivamente i giovani utenti: secondo lo studio, quasi un utente TWINT su dieci ha più di 60 anni. Ciò che colpisce: in termini di numero di registrati, questo gruppo di persone ha rivelato nel recente passato significativi tassi di crescita, così scrivono gli autori dello studio. «Tra febbraio e agosto 2020, ad esempio, il numero di registrati over 60 è raddoppiato». Nella fascia di età compresa tra i 50 e i 74 anni, la percentuale di utenti TWINT ha ormai già raggiunto il 32 per cento.

Il provider dei servizi di pagamento digitale conferma questo significativo aumento tra i clienti anziani: «TWINT viene percepito come un servizio semplice, non complicato, sicuro e serio», afferma il CEO Markus Kilb. «Ciò è molto importante per le persone nella seconda metà della vita».

Pratico: pagare con TWINT gli acquisti online.
ZVG

Un punto che anche Annelies condivide. «TWINT è facilmente comprensibile e incredibilmente pratico, inoltre lo trovo molto sicuro, altrimenti non lo userei».

In effetti l’uso di TWINT per lo shopping online è estremamente semplice: nei negozi online il codice QR appare automaticamente sullo schermo quando si seleziona TWINT come metodo di pagamento. In questo modo non si devono più nemmeno digitare i dati della carta di credito, cosa talvolta molto fastidiosa. Annelies e le sue sorelle ne hanno approfittato di recente per comprare al loro fratello un e-reader su Internet. «Ho pagato in modo pratico tramite TWINT», dice Annelies. E visto che se la cava davvero bene, spiega volentieri l’app anche alle sue sorelle che ancora non la usano. «Fungo un po’ da madrina», dice sorridendo l’ottantunenne.

Pomeriggi di digitalizzazione per la terza età

Tuttavia, poiché non ancora tutte le persone anziane hanno già raggiunto un livello così alto nell’ambito della digitalizzazione, gli esperti in questo campo desiderano ora rendere possibile l’accesso al mondo online a coloro che non hanno ancora osato fare questo passo. I corsi vengono offerti oltre che da Pro Senectute anche da altre organizzazioni, quali ad esempio «Digital Real». «Certo molte persone anziane hanno familiari, ma spesso questi non si prendono il tempo di spiegare loro come funziona il mondo digitale. Invece non ci vorrebbe molto e renderebbe la vita molto più semplice alla nonna o al nonno», spiega Mark Bächer, responsabile del progetto. Così come gli ausili digitali rendono un gran servizio anche ad Annelies. «Mi sono abituata già molto al mio smartphone e ai suoi vantaggi», afferma. «Non potrei più farne a meno. Mi dà più sicurezza».

Si tratta di un contenuto sponsorizzato. «In cooperazione con ...» significa che il contenuto è stato prodotto per un cliente e pagato da quest’ultimo.