Capelli: addio effetto crespo

CoverMedia

19.1.2018 - 08:35

Covermedia

Manteniamo le nostre ciocche sempre in salute con i consigli degli esperti di Revlon.

L’inverno può giocare brutti scherzi alla nostra chioma: le temperature fredde e secche, l’umidità e il riscaldamento, sono tutti fattori che causano doppie punte e rovinano i capelli, lasciando loro un aspetto crespo e spento.

Ma non dobbiamo per forza nasconderci dentro a un cappello: ecco cinque step per combattere e risolvere il problema.

Balsamo e maschere

Un trattamento idratante intensivo con un prodotto di qualità può fare la differenza nella salute delle nostre ciocche. Il balsamo aiuta a ripristinare l’idratazione perduta durante i mesi più freddi, mentre le maschere nutrono il capello e la cute. Possiamo fare una maschera fài da tè a base di avocado (deve essere maturo), ricchissimo di vitamine, minerali e acidi grassi. Semplicemente schiacciamo per bene la polpa dell’avocado ed applichiamola sui capelli, lasciandola agire per una ventina di minuti. Risciacquiamo bene con acqua pulita.

Spuntare regolarmente

Per mantenere i capelli sani e forti, dobbiamo essere regolari nelle visite dal nostro parrucchiere. Soprattutto nel caso in cui abbiamo intenzione di farli crescere. È importante sbarazzarci delle doppie punte, se possibile entro e non oltre le 8 settimane.

Contro la forfora

A causa dell’aria secca, il cuoio capelluto può risentirne più del normale. Riscaldiamo due cucchiai di olio di cocco, aggiungiamo un cucchiaino di succo di limone ed applichiamolo sulla cute, massaggiando delicatamente. Lasciamo agire per 30 minuti, poi facciamo un lavaggio normale con shampoo e balsamo.

Evitiamo il calore

La piastra e il fon, soprattutto se usati ogni singolo giorno, possono fare danni enormi alla chioma. Investiamo in un buon prodotto, come Revlon One Step Hair Dryer and Volumiser, che asciuga i capelli nella metà del tempo e tiene a bada l’effetto cresco. Il risultato sarà come appena uscite dal parrucchiere!

Tornare alla home page

CoverMedia