Salute

La chirurgia dimagrante potrebbe ridurre i rischi legati al Covid

Covermedia

28.1.2022 - 16:11

L'obesità indebolisce il sistema immunitario, crea uno stato infiammatorio cronico e aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Covermedia

28.1.2022 - 16:11

La chirurgia dimagrante potrebbe essere uno strumento chiave nella lotta al Covid-19.

Secondo un nuovo studio, i pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica per la perdita di peso riducono significativamente il rischio di sviluppare gravi complicanze dopo aver contratto il Covid-19.

A dimostrarlo è una ricerca condotta presso la Cleveland Clinic, mostra che tra i pazienti obesi che hanno già perso una notevole quantità di peso, il rischio di una dura battaglia contro il Covid-19 potrebbe essere fino al 60% inferiore.

L'obesità indebolisce il sistema immunitario, crea uno stato infiammatorio cronico e aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, coaguli di sangue e malattie polmonari: tutto ciò può complicare il Covid-19.

Tuttavia, gli scienziati devono ancora stabilire se un intervento come la chirurgia bariatrica, che include procedure come un bypass gastrico, riduca significativamente i rischi in coloro che hanno precedentemente sofferto di problemi di salute a causa dell'obesità.

«I risultati della ricerca mostrano che i pazienti con obesità che hanno raggiunto una perdita di peso sostanziale e prolungata con la chirurgia bariatrica, prima di un'infezione da Covid-19, hanno ridotto del 60% il rischio di sviluppare malattie gravi», ha affermato Ali Aminian, MD, autore principale dello studio e direttore del Bariatric & Metabolic Institute della Cleveland Clinic.

«Il nostro studio fornisce una forte evidenza che l'obesità è un fattore di rischio modificabile per COVID-19 che può essere migliorato attraverso un intervento di successo per la perdita di peso».

Sono stati coinvolti nello studio osservazionale più di 20.200 pazienti adulti con obesità. Un gruppo di 5.053 pazienti con un indice di massa corporea (BMI) di 35 o superiore, è stato confrontato con un gruppo di controllo composto da più di 15.000 pazienti non chirurgici che hanno subito un intervento chirurgico per la perdita di peso.

Prima del 1 marzo 2020, quando il coronavirus è arrivato a Cleveland, i pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica hanno perso il 19% in più di peso corporeo rispetto al gruppo non chirurgico.

Sebbene la possibilità di contrarre Covid-19 fosse simile tra i gruppi, i partecipanti al gruppo di chirurgia dimagrante hanno avuto risultati molto migliori dopo aver contratto Covid-19 rispetto a quelli del gruppo non chirurgico.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con un precedente intervento chirurgico per la perdita di peso avevano avuto un rischio di ricovero inferiore del 49%; 63% in meno di rischio di aver bisogno di ossigeno supplementare; e il 60% in meno di rischio di sviluppare Covid-19 grave.

Covermedia