Coach e Givenchy chiedono scusa alla Cina

13.8.2019 - 13:10, CoverMedia

Ocean's 8 World Premiere at Alice Tully Hall - Red Carpet Arrivals Featuring: Liu Wen Where: New York, New York, United States When: 05 Jun 2018 Credit: Ivan Nikolov/WENN.com
Source: Ivan Nikolov/WENN.com

Le due case di moda francesi si scusano col popolo cinese per aver messo in vendita magliette con la scritta «Taipei, Taiwan».

Dopo che due T-shirt hanno suscitato feroci critiche nella nazione, i dirigenti di Coach e Givenchy hanno presentato le loro scuse al popolo cinese.

Durante il fine settimana, Donatella Versace ha condiviso sui social di essere «profondamente dispiaciuta» che la sua etichetta abbia messo in commercio una gamma di magliette e felpe in cui i territori cinesi di Hong Kong e Macao erano erroneamente descritti come paesi indipendenti.

Da allora, gli utenti online hanno richiamato l'attenzione anche di Coach e Givenchy, responsabili di aver messo in vendita magliette con la scritta «Taipei, Taiwan»: altro Stato che ufficialmente si trova nella Repubblica della Cina.

«Coach rispetta e sostiene la sovranità e l'integrità territoriale della Cina. Nel maggio 2018, abbiamo riscontrato una grave inesattezza nel design di alcune magliette», ha scritto un rappresentante di Coach su Instagram.

«Abbiamo immediatamente ritirato quei prodotti da tutti i canali a livello globale - afferma il brand -. Siamo pienamente consapevoli della gravità di questo errore e ce ne pentiamo profondamente».

I responsabili dell’etichetta inglese spiegano che gli articoli sono stati rivisti e che il contenuto del sito Web pertinente è stato aggiornato.

In seguito, anche un portavoce di Givenchy ha condiviso un messaggio che recita parole simili.

«La casa di Givenchy rispetta fermamente la sovranità nazionale cinese e l'integrità territoriale. Sono state intraprese azioni immediate per ritirare il design impreciso della maglietta da tutti i mercati e sono state e continueranno ad essere adottate misure di revisione dei prodotti e dei processi per evitare situazioni simili in futuro», scrivono dall’headquarter parigino.

Le critiche ai capi arrivano in un momento particolarmente delicato a causa delle proteste che si svolgono attualmente a Hong Kong, con decine di migliaia di attivisti che chiedono ai leader di ascoltare le loro preoccupazioni sull'influenza politica della Cina.

Tornare alla home page

Altri articoli