Studio

Non usare i dispositivi elettronici può favorire il sonno

Covermedia

4.3.2022 - 16:10

Prima di coricarti stai lontano dai display: migliorerai così la qualità del tuo sonno.

Covermedia

4.3.2022 - 16:10

Secondo un nuovo studio sugli italiani in lockdown, l'aumento dell'uso notturno di dispositivi elettronici durante la pandemia di Covid-19 ha danneggiato le abitudini del sonno.

Durante il primo blocco pandemico del Paese, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il traffico internet giornaliero è quasi raddoppiato.

Per studiarne gli effetti, i ricercatori hanno condotto un'indagine web-based su oltre 2.100 residenti italiani durante la terza (l'ultima settimana intera di marzo 2020) e la settima settimana di lockdown nazionale nel Paese.

Il sondaggio ha valutato la qualità del sonno e i sintomi dell'insonnia, utilizzando il rispettato Pittsburgh Sleep Quality and Insomnia Severity Index come metodi di misurazione.

Lo studio ha rilevato che il 92,9% dei soggetti ha segnalato un aumento dell'utilizzo di dispositivi elettronici, tra il primo e il secondo sondaggio.

Le conseguenze

I partecipanti hanno mostrato una diminuzione della qualità del sonno, un aumento dei sintomi dell'insonnia, tempi di sonno totali più brevi, nonché routine e tempi di veglia più lenti. Inoltre, i ricercatori hanno riscontrato all'interno di questo gruppo di intervistati una maggiore prevalenza di dormienti sintomi di insonnia da moderati a gravi.

Tuttavia hanno scoperto che il 7,1% dei partecipanti che ha ridotto il tempo trascorso davanti allo schermo tra il primo e il secondo sondaggio, ha riferito una migliore qualità del sonno e un minor numero di sintomi di insonnia.

Questo gruppo ha anche dimostrato una diminuzione dei sintomi di insonnia moderata e grave.

Il professor Michele Ferrara, Direttore del Laboratorio di Psicofisiologia del Sonno e Neuroscienze Cognitive dell'Università dell'Aquila, ha dichiarato: «L'evidenza di una forte relazione tra il tempo trascorso davanti allo schermo e l'andamento temporale dei disturbi del sonno durante il periodo di lockdown suggerisce che, ora, più che mai, sensibilizzare l'opinione pubblica sui rischi dell'esposizione serale ai dispositivi elettronici potrebbe essere fondamentale per preservare la salute generale del sonno – afferma l'esperto -. Questo vale sia per la pandemia in corso che per il futuro, poiché le tecnologie elettroniche troveranno sempre più spazio nella nostra routine quotidiana».

Covermedia