Documentari sulle tracce del cambiamento climatico

13.9.2018 - 11:48, Meret Meier, blog sostenibilità

Il film «The Human Element» mostra con immagini di grande effetto come l’umanità è colpita dal cambiamento climatico sotto forma di incendi delle foreste e livello del mare in crescita.
Swisscom

Il 21 settembre in 17 località si tiene la manifestazione Festival Films pour la Terre 2018 (Festival di Film per la terra). I film proiettati mostrano con la forza espressiva delle immagini in che modo la natura cambia e il ruolo dall’elemento «uomo».

Il cambiamento climatico è solo una favoletta? Un’illusione, una «trovata dei cinesi» che si è radicata nelle nostre teste? Questo perlomeno si cura di cinguettare un uccellino presidenziale sui social media. Lontano dai post di Twitter e dalle discussioni accese dei grandi politici ai vertici sul clima, le impressionanti immagini del film «The Human Element» parlano un’altra lingua. Mostrano i destini individuali di persone colpite direttamente dalla violenza delle forze della natura in mutazione.

Elementi fuori controllo

Il film documenta il viaggio attraverso gli Stati Uniti del fotografo James Balog sulle tracce dell’acqua, dell’aria, del fuoco e della terra. Ritrae persone in fuga da incendi boschivi sempre più violenti in California e vigili del fuoco che non riescono più a contenere questi incendi. Pescatori, che da sempre vivono con e dell’oceano, che ora perdono la loro casa a causa del livello del mare in crescita. Bambini malati di asma che hanno paura dell’aria inquinata che sono costretti a respirare per vivere.

Prima esclusiva

«The Human Element» ci rende testimoni dei drastici cambiamenti climatici e mostra chiaramente come noi uomini siamo un fattore decisivo per la terra. Il film viene proiettato in prima esclusiva al Festival Films pour la Terre 2018. Il festival, giunto all’ottava edizione, si tiene il 21 settembre 2018 in 17 diverse località della Svizzera. Oltre al film principale «Human Element» vengono proiettati altri sei film, che offrono l’ispirazione necessaria per condurre la propria vita in modo più sostenibile.

Di pomodori, uccelli canori e fiumi naturali

Chi non conosce ancora la storia ignota del frutto più consumato, il pomodoro, non dovrebbe perdersi l’inizio del festival alle ore 12.15 con il film «The Empire of Red Gold». Alle ore 16 «Blue Heart» mostra uomini coraggiosi, che lottano per gli ultimi fiumi naturali d’Europa. Due ore più tardi lo spettacolo continua con «The Messenger», un documentario sugli uccelli canori a rischio e le cause globali del loro drammatico calo. Prima dell’inizio della grande prima alle ore 20, Mitja Rietbrock (SRF) conduce una tavola rotonda con Gabriele Müller-Ferch, della serie sull’ambiente della SRF «heute und hier», e Livio Rey della stazione ornitologica di Sempach. La discussione viene trasmessa in diretta a tutti gli altri luoghi della manifestazione dalla sede principale di Winterthur. Oltre alle proiezioni dei film, si tengono inoltre delle mostre sull’argomento sostenibilità.

Visione di una società sostenibile

L’organizzatore del festival è l’associazione Films pour la terre. Lo scopo dell’iniziativa sulla sostenibilità premiata dall’UNESCO è raggiungere il maggior numero possibile di persone, trasmettere le conoscenze sulla sostenibilità e stimolare ad agire mediante film selezionati. Swisscom condivide con Films pour la Terre la visione di una società più sostenibile e crede nel potere del cinema. Per questo motivo Swisscom sostiene l’iniziativa da dieci anni in veste di sponsor principale.
Il prezzo dell’ingresso al festival è basato su contributi volontari.

La rubrica sulla sostenibilità

La rubrica contiene consigli sempre nuovi dai collaboratori e dagli esperti di Swisscom per uno stile di vita sostenibile e un approccio competente ai nuovi media. Vi presentiamo aziende e tecnologie che offrono soluzioni innovative per affrontare le sfide sociali ed ecologiche della nostra epoca. Iscrivetevi subito alla nostra Newsletter per restare sempre informati. Il portale Bluewin è un'unità commerciale di Swisscom AG (Svizzera).

Meret Meier è esperta di responsabilità sociale, protezione dei giovani dai media e comunicazione nel team Corporate Responsibility di Swisscom.
Swisscom
Tornare alla home page

Altri articoli