Esercizi: la cura contro la depressione da lockdown

CoverMedia

18.9.2020 - 16:09

Two women are jogging on a gravel road in the green. Recreational sports, sports, jogging, jogging, running, running, running, fitness, Where: Munich, Bayern, Germany When: 16 May 2019 Credit: FRANK HOERMANN/SVEN SIMON/picture-alliance/Cover Images
Source: FRANK HOERMANN/SVEN SIMON/pictur

L’attività fisica è il modo più efficace di combattere lo stress, soprattutto in questa epoca di crisi globale.

L’impatto del lockdown sulla nostra salute mentale è stato a dir poco devastante nel corso degli ultimi mesi. Per questo è importante controbattere con tutte le armi possibili a nostra disposizione. La migliore? L’attività fisica.

Oltre a mantenerci sani e schizzare alle stelle il nostro sistema immunitario, fare esercizi regolarmente può aiutarci tanto anche a livello psicologico. Un aiuto di cui abbiamo ora più bisogno che mai, dato che stiamo attraversando una pandemia.

Sono stati tanti gli studi condotti da marzo, il mese in cui è cominciato il lockdown nella maggior parte dei paesi del mondo, ad oggi: i risultati indicano che la quarantena è strettamente correlata a sensazioni di depressione, solitudine, stress, tristezza, ansia, preoccupazione ed incertezza verso il futuro.

«Osservando il legame tra la salute mentale e gli esercizi, si è scoperto che, essenzialmente, le persone che fanno attività fisica soffrono meno di problemi psicologici (43%) rispetto agli individui più sedentari», ha dichiarato a Cover Media dottor Sadaf Hussain, medico di base presso la Zoom Clinic. «Un'altra ricerca dimostra che i partecipanti più attivi sono anche più contenti, più allerta e più calmi, dopo aver svolto un’attività sportiva».

Per tanti di noi che ancora non si sentono di tornare in palestra, ci sono tantissimi video online che possono aiutarci a ritrovare la forma, il buonumore e la positività.

«La durata ottimale si aggira attorno ai 45 minuti di esercizi per 3-5 volte alla settimana», continua dottor Hussain.

L’attività fisica ha un impatto molto positivo anche sul sonno.

Tornare alla home page