Digitale & Lifestyle

Genitori e nonni: la metà litiga

CoverMedia

22.9.2020 - 16:09

Smiling grandmother, mother and baby, portrait When: 01 Sep 2015 Credit: A. Bost / PhotoAlto / Cover Images
Source: A. Bost / PhotoAlto / Cover Imag

Una nuova statistica svela le cause degli scontri più frequenti.

Circa la metà dei genitori si trova in costante disaccordo con i nonni dei loro figli.

Le dispute e le questioni sono perlopiù legate alla famiglia e al modo di gestire i bambini: per il 57% dei partecipanti è di solito un problema di disciplina.

Per il 44% sono le abitudini a tavola e relative ai pasti, mentre il 36% punta il dito contro l’eccessivo uso dei gadget elettronici, secondo il sondaggio condotto dalla C.S. Mott Children Hospital National Poll on Children's Health at Michigan Medicine.

«I nonni giocano un ruolo speciale nelle vite dei nipoti e possono essere una risorsa importante per aiutare i genitori, dando loro consigli e facendo da babysitter», ha dichiarato Sarah Clark, co-direttrice di Mott Poll. «Ma possono avere idee molto diverse sul modo di crescere i figli e questo può causare tensione. Se i nonni contraddicono o interferiscono con le scelte dei genitori, questo può avere un effetto negativo sul loro rapporto».

Sono state menzionate anche questioni relative all’ora di andare a letto, le buone maniere, le foto condivise, le informazioni sul social, la sicurezza e i problemi di salute.

Per il 40% dei genitori, i nonni erano troppo «buoni» con i figli; solo per il 14% erano invece troppo severi.

«I genitori possono pensare che l’autorità di casa sia minata dall’eccessiva clemenza dei nonni, che permettono ai bambini di fare cose che vanno contro le regole della famiglia», continua la Clark. «O nel caso in cui i nonni siano troppo severi, che non permettano ai nipoti di fare cose che loro gli permettono».

Il sondaggio ha coinvolto 2.016 genitori con figli fino a 18 anni.

Tornare alla home page

CoverMedia