La dieta DASH: tutto ciò che c’è da sapere

CoverMedia

16.1.2018 - 16:12

Covermedia

Abbracciamo questo popolare trend per metterci in forma una volta per tutte.

Ogni anno gli esperti di dieta e nutrizione stilano la lista delle migliori tendenze alimentari, e anche nel 2018, per l’ottavo anno di fila, la vincitrice è la dieta DASH. Vediamo di che si tratta.

Innanzitutto l’acronimo DASH sta per Dietary Approaches to Stop Hypertension, ovvero un approccio alimentare per combattere l’ipertensione. Questa dieta è stata difatti sviluppata per abbassare la pressione sanguigna dei pazienti con ipertensione senza ricorrere a medicinali; questa iniziativa ha ricevuto il pieno appoggio degli istituti americani per la salute U.S. National Institutes of Health.

La DASH una dieta assai facile da seguire: bisogna semplicemente mangiare più frutta, verdure, cereali integrali, legumi ed evitare il più possibile i latticini, i cibi salati e quelli ricchi di grassi saturi, gli oli tropicali, i dolci e le bevande iper-zuccherate.

Il target originale di questa dieta era per l’appunto l’abbassamento della pressione nei soggetti con ipertensione, ma con il tempo si è evoluta in un programma dimagrante in tutto e per tutto.

Seguendo questa routine, il nostro organismo riceverà più sostanze nutritive, tra cui potassio, calcio e magnesio, tutti minerali associati ad una riduzione della pressione, oltre che ad un alto livello di benessere generale.

La dieta si attiene al consumo di 2.000 chilocalorie al giorno, l’equivalente di 7 porzioni di cereali, 4-5 di frutta e verdura, 2-3 porzioni di cibi a basso apporto di grassi, 4-5 porzioni di semi, legumi e frutta secca, e un limite di 4-5 alimenti dolci alla settimana.

Gli editors di U.S. News & World Report, dopo aver analizzato ben 40 tipi di diete diversi, rivelano che a pari merito con la DASH vi è la nostra cara dieta mediterranea, seguita al secondo posto da quella flexatariana, la Weight Watchers al terzo posto e la dieta MIND in quarta posizione. La dieta TLC e volumetrica conquistano il quinto posto.

Tornare alla home page

CoverMedia