Marijuana: fumare durante la gravidanza presenta rischi

18.4.2019 - 16:09, CoverMedia

Where: United States Credit: Mint Images/Cover Images
Source: Mint Images/Cover Images

Secondo gli esperti fare uso di questa droga leggera nei nove mesi di dolce attesa è pericoloso per lo sviluppo cerebrale del bambino.

Le donne incinte che fumano marijuana possono mettere a repentaglio la salute e lo sviluppo del bambino. In particolare, i ricercatori della Auburn University di Alabama, USA, parlano di una molecola che influenza negativamente lo sviluppo del cervello.

Il team americano ha riprodotto una sostanza chimica sintetica dall’azione simile a quella della marijuana, somministrandola ad un campione di esemplari femmina di ratto in attesa. Nella loro prole le connessioni dei nervi nell’area del cervello legata alla memoria erano inferiori.

«Esaminando ciò che causava questo problema, abbiamo scoperto una molecola nel cervello che non mantiene la giusta connessione nei neuroni», ha spiegato la co-autrice dello studio Priyanka Das Pinky, secondo quanto riportato dal Mail Online.

La molecola in questione è la CD56 (o NCAM, Neural Cell Adhesion Molecule) una proteina che aiuta a mantenere il buon funzionamento del cervello.

«Non esistono tante informazioni su questa molecola, dunque siamo contenti di averne fornito ulteriori attraverso i nostri studi», continua la dottoressa. «Al momento stiamo analizzando i composti che incrementano la produzione di questa molecola».

Statisticamente, sempre più donne ricorrono alla marijuana durante la gravidanza per alleviare i sintomi delle nausee, ma i ricercatori incoraggiano tutte le future mamme ad evitarne il consumo, anche nel caso in cui sia limitato.

«La marijuana sta diventando la droga più comunemente consumata in gravidanza, ma vari studi scientifici indicano che i suoi effetti possono essere dannosi per lo sviluppo del cervello», continua l’esperta. «La nostra è una ricerca preliminare, ma teniamo a rimarcare il fatto che fumare marijuana non va bene durante la dolce attesa e di conseguenza non incoraggiamo le donne a farlo».

Tornare alla home page

Altri articoli