Olivier Rousteing sui casting: «La diversità dovrebbe essere normale»

CoverMedia

5.8.2019 - 13:11

Paris Fashion Week Men's Fall 2018 - Louis Vuitton - Outside Arrivals Featuring: Olivier Rousteing Where: Paris, France When: 18 Jan 2018 Credit: WENN.com
Source: WENN.com

Lo stilista afferma che bisogna fare di più per l’integrazione nell’industria della moda: specialmente quando si tratta di casting per sfilate.

Il direttore creativo di Balmain, Olivier Rousteing, ha invitato i leader della moda a promuovere ulteriormente la diversità.

Da quando è entrato a far parte della casa di moda di lusso nel 2011, lo stilista francese si è costruito una reputazione per i suoi design glamour e, con l'aiuto di amici come Kim Kardashian, Rihanna e Nicki Minaj, ha generato un fandom di celebrità noto come Balmain Army.

Nelle sue campagne e presentazioni Rousteing è noto per l'utilizzo di una gamma di modelli provenienti da tutto il mondo, ma ora insiste che bisogna fare di più: specialmente quando si tratta di casting per sfilate.

«C'è ancora chi conta quante etnie mescola nel suo fashion show? È triste», afferma Olivier Rousteing a Vogue.

«Non c'è un altro termine per definire questo atteggiamento. La moda sta diventando triste. Com'è possibile che in un casting ci siano solo due ragazze nere? In tutta la città? Sono sicuro che non sia così difficile trovare invece ragazze bionde. La diversità dovrebbe essere normale».

Il 33enne di Bordeaux non ha paura di essere schietto o controverso, e si relaziona con i designer degli anni Cinquanta e Sessanta.

«Dobbiamo ricordare che la moda ha cambiato il ruolo di uomini e donne: quando Yves Saint Laurent ha fatto indossare i pantaloni a una donna, non era solo un vezzo. Ha dimostrato che nella vita una donna può indossare i pantaloni come un uomo», ha ricordato il designer.

«Sono tutti i codici con cui la moda ha spinto a cambiare il mondo. Oggi è quello che sto cercando di fare a modo mio».

Tornare alla home page

CoverMedia