Parto cesareo: problemi di fertilità in futuro

CoverMedia

5.8.2020 - 16:10

Close-up of young woman looking at pregnancy test strip When: 13 Nov 2016 Credit: F. Cirou / PhotoAlto / Cover Images
Source: F. Cirou / PhotoAlto / Cover Ima

Un nuovo studio ha monitorato circa 2.000 donne per oltre tre anni, rilevando un rischio.

Il taglio cesareo è stato associato ad un aumento del rischio di sviluppare problemi di fertilità in futuro. Lo riportano i ricercatori della Penn State College of Medicine, in Pennsylvania, a seguito di una ricerca cha ha coinvolto più di 2.000 donne di un'età compresa tra i 18 e i 35 anni, fino a tre anni dopo aver dato luce al loro primogenito con un parto cesareo.

Il team ha intervistato le partecipanti ogni sei mesi, chiedendo loro di condividere le loro abitudini legate alla sfera sessuale e se stessero usando dei contraccettivi.

Circa 600 delle donne interpellate avevano partorito il primo figlio con un taglio cesareo, avevano più probabilità di soffrire di sovrappeso e di aver fatto un test di fertilità, iniziando anche un trattamento per poter restare di nuovo incinte.

Una buona percentuale di queste donne (il 69%) alla fine dello studio era riuscita ad avere un altro bambino, rispetto al 78% delle donne che in passato avevano avuto un parto vaginale.

«È possibile che un danneggiamento delle tube di Falloppio possa essere il risultato di un’esposizione all’atmosfera e agli agenti contaminanti che influenzano i conseguenti tentativi di concepire», ha dichiarato dottor Richard Legro, co-autore dello studio. «È possibile anche che la formazione di cicatrici dovuta alla ferita chirurgica nell’utero possa avere effetti che hanno un impatto anche più avanti, nel processo di concepimento».

Dottor Legro consiglia a tutte le donne under 35 che hanno avuto un parto cesareo e conseguenti problemi a restare incinte, di richiedere un parere medico.

«È importante che le donne che scelgono di partorire in questo modo sappiano che esiste il rischio di avere difficoltà a concepire di nuovo in futuro», conclude l’esperto.

Tornare alla home page