Questo pub britannico è già prenotato per tre anni

twei/gbi

9.11.2020 - 16:50

La crisi del coronavirus sta colpendo duramente il settore della ristorazione e numerosi locali sono preoccupati per il loro futuro. Ma per The Bank Tavern, a Bristol, la musica è diversa: la lista d’attesa per ottenere un tavolo è infinita.

Una cenetta chic seguita da una passeggiata nella celebre città portuale di Bristol: tenuto conto delle restrizioni legate al coronavirus e degli avvertimenti dati ai viaggiatori, non si sa ancora quando un simile programma potrà essere immaginato senza particolari ostacoli.

Ma arriverà il momento in cui questa pandemia non ci sarà più. Coloro che prevedono un viaggio in questa città dell’Inghilterra sud-occidentale e puntano a deliziarsi possono prenotare sin da ora. Per ottenere un tavolo al pub The Bank Tavern, il più ambito del posto, occorre armarsi di molta pazienza: la struttura è piena fino all’aprile del 2023.

Il miglior piatto domenicale del Paese…

La ragione è legata al Sunday roast (arrosto della domenica) che vi viene servito: un piatto domenicale tradizionale britannico che The Bank Tavern propone con carne o in versione vegetariana. Il tutto di straordinaria qualità: secondo «Observer Food Monthly» si tratta semplicemente del miglior Sunday roast di tutta la Gran Bretagna. Un titolo che ha scatenato un’autentica mania.

Ma cosa rende questo piatto domenicale così squisito? La carne utilizzata proviene da una fattoria locale e lo chef decide di tanto in tanto delle variazioni: «Non ci accontentiamo di riproporre lo stesso menù - ha spiegato uno dei gestori al giornale britannico «The Sun» -. Cambiamo l’antipasto e il dolce tutte le settimane».

… a un prezzo che resta abbordabile

Inoltre, nonostante l’enorme richiesta, i prezzi non sono stati modificati. Un pasto completo costa 9,95 sterline, ovvero circa 11,75 franchi.

Di fronte ai media, Sam Gregory, proprietario della struttura, ha spiegato la scelta affermando che il suo pub deve restare alla portata di tutti. Facendo riferimento alla sua infanzia, ha ricordato poi che i suoi genitori non avevano abbastanza soldi per portare i figli al ristorante, benché ci tenessero a poterlo fare. «Non voglio che il denaro rappresenti un ostacolo per ottenere del buon cibo»: è questa la filosofia che anima Gregory.

Tornare alla home page