Salute a tavola: lo zucchero di cocco

CoverMedia

5.2.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Tutto ciò che c’è da sapere su questo toccasana dei negozi bio.

In quest’epoca di innovazioni culinarie e di richiami alla prevenzione, è difficile ci sia ancora qualcuno che non abbia sentito parlare dei danni causati alla nostra salute dallo zucchero raffinato, cioè il più comune e – non a caso – anche il più economico.

Diabete, cancro e obesità sono solo alcune delle gravi malattie associate al consumo di questo «killer bianco».

Per fortuna le opzioni alternative non mancano, anche se trovarle non è semplice se non abbiamo a portata di mano un negozietto biologico o un grande supermercato con reparti specializzati; tra queste alternative vi è lo zucchero di cocco, ricavato direttamente da questo super frutto esotico. Vediamo di che si tratta.

Secondo il Dipartimento per l’agricoltura delle Filippine, lo zucchero di cocco contiene una quantità enorme di minerali fondamentali tra cui ferro, calcio, zinco e potassio, ed è ricco anche di acidi grassi, polifenoli, antiossidanti e fibre.

Se è vero tuttavia che nessun dolcificante – che sia sotto forma di zucchero o sciroppo, che sia naturale o raffinato – fa davvero bene alla nostra salute, usare questa alternativa naturale è decisamente meglio per il nostro organismo. L’importante è tenere a mente che non dobbiamo consumare tanto zucchero e, se desideriamo qualcosa di dolce da preparare a casa, inforniamo una teglia di dolcetti fatti con lo zucchero di cocco piuttosto che le altre varietà.

Oltre a questo tipo, anche la Stevia – dolcificante naturale senza calorie ricavato da una pianta – lo sciroppo d’acero, il nettare d’agave e lo sciroppo di datteri sono ottime (e deliziose!) alternative. Aggiungiamoli ai cereali del mattino per controllare e ridurre il nostro apporto di zuccheri quotidiano.

Tornare alla home page

CoverMedia