Sindrome del cuore spezzato: in aumento nelle donne

Covermedia

17.12.2021 - 16:10

La condizione, nota anche come cardiomiopatia di Takotsubo, si riferisce all'improvviso indebolimento temporaneo della porzione muscolare del cuore.

Covermedia

17.12.2021 - 16:10

Il fenomeno medico noto come sindrome del cuore spezzato è pericolosamente in aumento tra le donne.

La condizione, nota anche come cardiomiopatia di Takotsubo, si riferisce all'improvviso indebolimento temporaneo della porzione muscolare del cuore. Di solito compare dopo che un paziente ha sperimentato un significativo fattore di stress fisico o emotivo e può portare a lesioni cardiache a lungo termine e compromissione della funzionalità.

I ricercatori statunitensi hanno ora notato un aumento dei casi di sindrome del cuore spezzato. L'incidenza è in costante aumento da molto prima dell'inizio della pandemia di Covid-19 e la patologia viene diagnosticata molto più frequentemente nelle donne di mezza età e anziane.

«Sebbene per le donne la pandemia globale di Covid-19 abbia posto molte sfide e fattori di stress, la nostra ricerca suggerisce che l'aumento delle diagnosi di Takotsubo stava aumentando molto prima dell'epidemia di salute pubblica», afferma l'autore della ricerca Dr. Susan Cheng.

«Questo studio convalida ulteriormente il ruolo vitale che la connessione cuore-cervello svolge nella salute generale: soprattutto per le donne».

Analizzando i dati ospedalieri nazionali, raccolti da oltre 135mila donne e uomini, a cui è stata diagnosticata la sindrome di Takotsubo tra il 2006 e il 2017, la dott.ssa Cheng e il suo team hanno scoperto che le diagnosi sono aumentate da 6 a 10 volte più rapidamente per le donne dai 50 ai 74 anni.

Inoltre, hanno notato che i risultati indicano che il cervello e il sistema nervoso rispondono a diversi tipi di fattori di stress man mano che una donna invecchia.

«Probabilmente c'è un punto di svolta, appena oltre la mezza età, in cui una risposta eccessiva allo stress può avere un impatto sul cuore», ha aggiunto la dott.ssa Susan Cheng. «Le donne in questa situazione sono particolarmente colpite e il rischio sembra aumentare».

In futuro i ricercatori vogliono studiare le implicazioni a lungo termine di una diagnosi di Takotsubo, i marcatori molecolari di rischio e i fattori che potrebbero contribuire all'aumento dei tassi di casi.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sul Journal of American Heart Association.

Covermedia