Digitale & Lifestyle

Sonno: più profondo con un pigiama di lana

CoverMedia

19.10.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Secondo gli scienziati di Sydney si dorme meglio quando la pelle è a contatto con questo materiale.

Con le temperature in calo, la maggior parte di noi la notte già inizia ad indossare i pantaloni del pigiama e le maniche lunghe. A questo proposito, secondo un team di ricercatori australiani, è bene scegliere con cura questi capi, perché la qualità del nostro riposo dipende anche dal tessuto principale di cui è composto il nostro pigiama.

«La lana regola molto meglio la nostra temperatura corporea, mantenendoci in una condizione cosiddetta di “conforto termico”», spiega il dottor Paul Swan, dell’Università di Sydney.

La ricerca è stata effettuata su un campione di 17 studenti di 20-25 anni: coloro che indossavano un pigiama di lana merino riuscivano ad addormentarsi 4 minuti più velocemente rispetto a quelli che indossavano un pigiama di cotone. In totale, i primi ci mettevano 11 minuti, i secondi 15. In tutto, dunque, il primo gruppo dormiva 7 minuti in più ogni notte.

Parallelamente, il team del dottor Swan ha monitorato anche un gruppo di 36 adulti di un età compresa tra i 65 e i 70 anni: anche in questo caso, gli individui che indossavano il pigiama di lana dormivano di più rispetto ai secondi. I primi si addormentavano in una media di 12 minuti, gli altri dopo circa 22-27 minuti.

I due gruppi di partecipanti sono stati monitorati rispettivamente per 9 e 4 notti di seguito. La temperatura, in tutte le camere, era di 17 gradi centigradi.

«I nostri risultati indicano che la lana, a contatto con la pelle, è un isolante assai efficace che può influenzare il calore della pelle, e dunque promuovere l’arrivo del sonno e anche la sua qualità», spiegano i ricercatori. «Dormire bene, con i tempi che corrono, è diventato un fenomeno sempre più difficile, dunque qualsiasi cosa che possa agevolare il sonno è benefico per la nostra salute, sia fisica che mentale».

La prima ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Nature And Science Of Sleep, mentre la seconda, non ancora pubblicata, è stata fondata dall’associazione Australian Wool Innovation (AWI).

Tornare alla home page

CoverMedia