Spray nasale: un’alternativa agli oppioidi

CoverMedia

9.2.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Un antidolorifico naturale potrebbe presto rimpiazzare alcuni dei farmaci più pericolosi per le dipendenze.

Uno spray contenente nanoparticelle di NM0127 sarà presto in grado di alleviare il dolore nell’uomo al pari della morfina ed altri oppioidi. Questa la scoperta di un team di scienziati della Nanomerics, un’associazione creata dalla UCL di Londra (University College London) secondo cui le piccolissime particelle di questa sostanza sperimentale, formulata con peptidi naturali, aiuterebbe chi la assume a non sviluppare una tolleranza ai suoi effetti, conseguentemente prevenendo il problema di dipendenza e assuefazione.

Negli USA, a seguito di un cambiamento nelle norme emanate dagli enti sanitari negli anni Novanta, il farmaco è divenuto generalmente più accessibile: ciò ha causato un drastico aumento nelle prescrizioni farmaceutiche di questi medicinali e, di conseguenza, incrementato la piaga della dipendenza da oppioidi.

«Lo sviluppo della NM0127 è assai importante in quanto l’assenza di tolleranza alla sostanza e di un comportamento di ricerca di una ricompensa, può aiutare ad alleviare le crisi dovute agli oppioidi che, al momento, stanno colpendo gran parte degli Stati Uniti», ha dichiarato la dottoressa Ijeoma Uchegbu in uno statement.

Secondo i dati forniti dal National Institute on Drug Abuse (NIDA), in America circa 90 individui muoiono di overdose a causa di questa sostanza ogni giorno; l’abuso di medicinali oppioidi ha reclamato anche le vite di personaggi famosi negli ultimi anni, come Tom Petty e Prince. L’overdose da oppioidi è attualmente considerata una delle maggiori cause di morte tra gli americani sotto i 50 anni.

I primi test ad essere effettuati sull’uomo avverranno in maniera volontaria e saranno basati su prove semplici: per causare il dolore, i partecipanti dovranno semplicemente immergere un braccio in un contenitore d’acqua ghiacciata.

Se i risultati dell’esperimento sono positivi, lo spray verrà somministrato in primis ai pazienti di cancro alle ossa, considerato uno dei tumori più dolorosi. Inoltre, l’azione dello spray è più rapida di oppioidi tradizionali come il fentanyl e morfina, che normalmente impiegano un minimo di 20 minuti per iniziare a fare effetto sul paziente.

Tornare alla home page

CoverMedia