Alcuni consigli

Una dieta basata sui dati per una salute migliore

Covermedia

5.12.2022 - 16:00

Dieta
Dieta

Pianificazione corretta dei pasti, rilevazioni più precise ed esercizio fisico per cambiare il proprio stile di vita.

Covermedia

5.12.2022 - 16:00

Secondo la dietista Caitlin Hall le diete iper personalizzate e basate sui dati saranno una tendenza importante per il futuro.

Scegliere una dieta basata sui dati corretti, detta anche data diet, può rivelarsi fondamentale per perdere peso. «Fino a poco tempo fa era impossibile per i consumatori sapere quali tipi di fibre avrebbero dovuto mangiare per alimentare in maniera corretta il proprio microbioma», ha affermato l’esperta.

«Ora, i consumatori possono utilizzare dei kit di autotest ad alta tecnologia per scoprire il loro profilo microbiologico unico e utilizzare dati incredibilmente specifici sulle capacità di fermentazione delle fibre dei loro batteri intestinali e riuscire così ad ottimizzare la loro dieta e promuovere la perdita di peso».

Altre nuove tecnologie che possono rivelarsi utili per raggiungere l’obiettivo sono gli analizzatori del respiro metabolico. «Test che raccolgono dati per fornire una serie di informazioni utili sul metabolismo. Ad esempio, prima di un pasto o di un allenamento si può fare rapidamente questa analisi per verificare se il corpo sta bruciando carboidrati o grassi per produrre energia e quindi adattare la dieta e il regime di esercizio di conseguenza», ha spiegato la Hall.

In soccorso della data diet pure il glucometro, strumento già usato abitualmente dai pazienti diabetici, che è in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. «Se si tende a mangiare molti cibi zuccherati e carboidrati raffinati durante la giornata, è probabile che si verifichino livelli estremi di glicemia alta e bassa. Un aumento e una diminuzione della glicemia sono normali, ma quando si verificano troppo frequentemente può avere un impatto su vari aspetti della salute come l'energia, il sonno, l'appetito, la salute metabolica e le prestazioni fisiche. A lungo termine, questo può aumentare il rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache e aumento di peso», ha chiarito la dietista.

«Capire come reagiscono i livelli di zucchero nel sangue a diversi alimenti può aiutare a personalizzare la dieta e l'assunzione di fibre per evitare picchi e crolli, stabilizzando l’energia e sostenendo gli sforzi per perdere peso».

Covermedia