Ceneri, inaugurazione in forma molto ridotta

ATS

20.5.2020 - 16:38

L'entrata nella nuova galleria ferroviaria del Ceneri a Camorino.
Source: KEYSTONE/Ti-Press/ELIA BIANCHI

Nonostante la pandemia di Covid-19, il tunnel di base del Ceneri dovrebbe aprire a metà dicembre. Tuttavia, a causa della situazione, il calendario dei festeggiamenti per l'inaugurazione è stato modificato: niente ospiti e i ministri Ue solo in videoconferenza.

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, spiegando che la festa popolare a Bellinzona, Lugano e Locarno per la messa in servizio della rete regionale celere ticinese è posticipata all'estate 2021.

In una nota il governo spiega che i festeggiamenti per l'apertura della galleria e per il completamento di Alptransit sono organizzati congiuntamente da Confederazione, AlpTransit San Gottardo SA (ATG) e FFS. A seguito della nuova situazione venutasi a creare con la pandemia i responsabili hanno deciso di modificarne le modalità.

L'incontro dei ministri dei trasporti, in calendario il 3 settembre in Ticino, sarà sostituito da una videoconferenza dedicata alla valenza internazionale di Alptransit, mentre è disdetto il RailSummit delle FFS previsto per la stessa data. La ferrovia di pianura attraverso le Alpi è un elemento centrale del corridoio europeo per il traffico merci Rotterdam-Genova e importante per il trasferimento delle merci dalla strada alla rotaia.

Il 4 di settembre si svolgerà come da programma la cerimonia di consegna della galleria da parte del costruttore ATG al futuro gestore FFS, tuttavia senza la partecipazione dei 650 ospiti inizialmente previsti e alla sola presenza di rappresentanti dei media.

L'8 settembre non avrà luogo la festa prevista per i collaboratori di ATG. Si deve ancora decidere se annullarla del tutto o rimandarla. È pure rinviata una parte dei festeggiamenti del 12 e 13 dicembre delle FFS e dei loro partner: si terrà l'appuntamento previsto in occasione del cambio d'orario di metà dicembre, ma sarà posticipata all'estate 2021 la festa popolare a Bellinzona, Lugano e Locarno.

Tornare alla home page

ATS