Roseanne Barr, fan di Trump: «Spero che la serie fungerà da trait d'union»

Marlène von Arx, cronista a Hollywood

3.4.2018

La serie «Pappa e ciccia» sta per tornare in televisione insieme alla sua protagonista Roseanne Barr. Durante un'intervista rilasciata a «Bluewin», l'attrice di 65 anni ha parlato della sua ammirazione per Donald Trump e dei suoi incessanti litigi con i suoi figli.

Nelle sitcom degli anni '80, tutto era bello e chic. Poi è arrivato «Pappa e ciccia», che ha rivoluzionato la televisione mostrando la vita quotidiana di una famiglia di operai. Roseanne Barr (65) ha deciso di seguire la tendenza del reboot e rilanciare quindi la sitcom di successo con il cast originale. L'attrice comica ci parla della sua nuova dolcezza, della sua ammirazione per Donald Trump, della sua azienda agricola alle Hawaii e degli incessanti litigi con i suoi figli.

«Bluewin»: «Pappa e ciccia» torna in tv dopo 21 anni di assenza. Cos'è cambiato?

Roseanne Barr: Sono invecchiata e ho superato la menopausa. Per me, questo periodo è stato determinante quanto la pubertà. Penso di essere diventata più dolce, più misurata e meno capricciosa.

Ed è un bene per la serie?

Non lo so. In ogni caso, lo è stato per coloro che ci hanno lavorato. La Roseanne della serie è ancora più amabile della vera Roseanne.

Com'è stato tornare nel vecchio salotto della famiglia Conner?

Ero più che felice di lavorare di nuovo con i miei amici. E, in casa Conner, il mio angolo preferito è il divano: è ancora comodo come una volta.

Indossa ancora gli abiti dell'epoca?

Certamente, la felpa sta tornando di moda! Ciò significa molto per noi — sia davanti che dietro la telecamera. All'epoca non piaceva né all'emittente né ai produttori. Dal momento che la trovavano orribile, ci siamo divertiti a indossarla ancora e ancora. L'amiamo tanto proprio perché era orribile.

A quali condizioni ha accettato di riportare sugli schermi Roseanne Conner e la sua famiglia?

Ho chiesto qualche garanzia. Innanzitutto volevo mettere in pratica le mie idee e non dovermi più battere come in passato per farlo. Ho detto fin dall'inizio a Sara Gilbert che, oltre ad interpretare mia figlia Darlene, produce attualmente la serie, che sarebbe stata lei a discutere con i pezzi grossi. Io voglio fare solo ciò che so fare al meglio: scrivere — insieme ad autori che mi rispettino e rispettino le altre donne. Come sarete venuti a sapere negli ultimi tempi, non è sempre così.

Quindi non ci sono stati litigi stavolta?

No, al contrario, mi sono sentita rispettata e protetta. Molti comici pensano, in un certo senso, di dover soffrire per essere divertenti. Ecco perché molti di noi conducono una vita piuttosto triste. Ma non è così funziona. Il mio lavoro non è mai stato più piacevole. Forse dico cose che possono sembrare ovvie, ma spesso vengono ignorate. A volte mi sento come un'extraterrestre quando vedo cosa capita alla gente oggi.

A differenza di molti suoi colleghi a Hollywood, lei ha votato per Trump. Quanto è politicamente impegnata la nuova edizione di «Pappa e ciccia»?

Tutto ciò che coinvolge i lavoratori è politico. Noi tocchiamo argomenti come il sistema sanitario e tanti altri problemi attuali. Molti dei miei amici hanno dovuto accogliere in casa i propri genitori, i propri figli o nipoti poiché non potevano più permettersi un tetto. Temi che riguardano le persone normali e che non vengono trattati spesso nel mondo dell'intrattenimento. Vorrei alleviare l'angoscia della gente mostrando loro che si può ridere anche della miseria.

Lei considera la serie «Pappa e ciccia» una sorta di trait d'union in un'America profondamente divisa?

Sì, è ciò che spero. Siamo troppo divisi. Anche all'interno della mia famiglia. Ho tre figlie sulla quarantina che non la pensano affatto come me. Abbiamo discusso e continuiamo a discutere spesso in merito alle elezioni. Io lo trovo triste. Perché non si cerca di capire come si senta la gente e per quale motivo abbia fatto questa scelta? Bisogna dimostrare compassione nei confronti degli altri se non si vuole che le cose finiscano male. Ma le mie figlie non sanno che farsene.

È evidente che lei vede in Donald Trump qualcosa che molti non vedono…

Perché il loro punto di vista è ristretto. Vedono soltanto quello che sanno già. Secondo me è positivo che la Corea del Nord e presto anche l'Iran considerino la possibilità di ridurre i loro rispettivi programmi nucleari.  Vedo molto di buon occhio anche il fatto che Donald Trump cerchi di instaurare buoni rapporti con Vladimir Putin invece di lanciarsi in una guerra nucleare con la Russia. Penso che Trump voglia la pace nel mondo. Staremo a vedere se raggiungerà il suo obiettivo. Scommetto che ci riuscirà.

Trova che i suoi tweet si confacciano al suo status di presidente?

Penso che siano spesso ironici e che lui li scriva proprio con questa intenzione. Ha un grande senso dell'umorismo. È anche un provocatore — lo capisco. L'ho incontrato qualche anno fa ed è stato molto gentile con me. Ha anche fatto un'apparizione in una delle mie trasmissioni. È un pensatore progressista. Aspettiamo un paio di annetti e vedremo se avrò avuto torto.

Torniamo ai Conner: anche Johnny Galecki, che interpreta David, il ragazzo di Darlene, e ha conosciuto il successo con la serie «The Big Bang Theory», fa parte del cast. Oggi ha forse più esperienza di lei in materia di sitcom. Le dà fastidio?

No, considero Johnny come fosse mio figlio. Ha un enorme talento. Sono veramente impressionata dalla bravura di tutti i miei figli televisivi. È stato davvero bello rivederli e sono davvero felice che siano riusciti tutti a sfondare.

È rimasta in contatto con loro in tutti questi anni?

Sì, perché adoro ficcare il naso negli affari degli altri.

George Clooney aveva interpretato il ragazzo di Jackie prima di diventare una star…

Sì, gli piaceva farne di tutti i colori ed era molto divertente. Un giorno si era nascosto della pelle di pollo in bocca e aveva fatto finta di vomitare resti di pollo nella spazzatura. Tutta farina del suo sacco.

Chi si occupa della cucina durante le riunioni famigliari?

A parte me, nessuno muove un dito! Talvolta chiedo ai bambini di sbucciare le verdure, ma nessuno lo fa. Rimangono incollati ai loro videogiochi. Ogni venerdì cucino per dieci persone, ma mi piace. Quando sono ai fornelli, preferisco che nessuno si intrometta. Una volta che tutti si sono seduti a tavola, ho diritto a cinque minuti di tregua prima che scoppi una nuova discussione. Allora mi arrabbio, dico loro di sparecchiare e me ne vado a letto.

Ha ereditato il suo modo di fare da sua madre?

Diciamo che vengo da un ambiente nel quale le donne sono a capo della famiglia, fanno crollare i muri con il loro umorismo e dicono sempre la verità, anche se scomoda. I mariti sono meno coinvolti. Mia madre ha 84 anni ed è la donna più straordinaria che conosca. Sono cresciuta a Salt Lake City, in uno degli Stati più conservatori degli Stati Uniti. Mia madre ha due figli omosessuali e anni fa si mise in società con mio fratello per dare il via ad un progetto di lotta all'AIDS nello Utah, dove l'omofobia all'epoca era ancora molto forte. È una donna molto coraggiosa e continua dimostrarmi che non bisogna mai smettere di combattere, un giorno dopo l'altro. Così come mia nonna, anche lei ha un lato dolce ed è molto religiosa. Sono donne della loro generazione, forti e fragili allo stesso tempo. E anch'io sono così.

Cosa ha insegnato alle sue figlie?

Quando sono diventate adolescenti, mi sono resa conto che ne avevo fatto persone troppo aggressive, il che non era certo positivo. Ho dovuto mandarle in centri educativi perché imparassero a fare lavoro di squadra.  Tuttavia, dato che la formazione ha finito per essere soppressa, non sono riuscite a cambiare, e ciò mi infastidisce. Penso che dovrebbero obbedire, ma non lo fanno, anche se in fin dei conti, ho sempre ragione io [ride]. Fanno sempre il contrario di ciò che dico loro — tranne quando lo sentono alla TV, dalla bocca del giornalista della CNN Anderson Cooper. Ma almeno, sono buone madri.

Lei non è il tipo di persona che getta la spugna, vero?

Gli attori gettano la spugna, ma io non sono un'attrice — sono una comica e i comici non gettano mai la spugna. Rimaniamo fedeli a ciò che siamo, ecco perché devo avere la pelle dura. In realtà, ho una pelle abbastanza delicata, ma fortunatamente ne ho molta.

Sono ormai 15 anni che sta insieme al suo compagno, conosciuto su internet. Il fatto che negli ultimi anni lei si sia un po' allontanata dalle luci della ribalta, l'ha aiutata nella sua relazione?

Sì, probabilmente. In ogni caso si tratta della relazione più lunga che abbia mai avuto. Forse perché ho finalmente trovato la persona giusta. Lui mi scuote: mi fa arrabbiare, mi fa preoccupare — ha tutto del compagno di vita ideale.

Lei è proprietaria di un'azienda agricola a Big Island, nelle Hawaii. Ce la descrive?

Abbiamo 3000 alberi di noci del Queensland, campi di patate, una piantagione di ananas e delle capre. Produciamo, infatti, formaggio di capra. Ho più di 18 ettari di terra, tutti coltivati, perché ho degli attacchi di panico concernenti il cibo: così, se dovessi perdermi nella tenuta, avrò sempre una patata o una papaya da mangiare in caso di emergenza. I miei nipoti e i loro genitori lavorano per me e abbiamo anche cinque impiegati. Tutti mi chiamato «zia» o «nonna» — è bellissimo far parte di un clan.

La nuova edizione di «Pappa e cicia»

La serie «Pappa e ciccia» è stata trasmessa per la prima volta fra il 1988 e il 1997. Vent'anni dopo, la matriarca Roseanne e suo marito Dan Conner (John Goodman), che è teoricamente tornato dall'aldilà, vivono sempre nella stessa casa. Proprio come la figlia Darlene (Sara Gilbert), madre single di due figli, fra cui un maschio che adora vestirsi da femmina. Il figlio minore D.J. (Michael Fishman) è un soldato la cui moglie presta servizio in Afghanistan mentre lui si occupa delle loro figliolette (di colore). La primogenita Becky (prima interprete, Alicia Goranson) è al verde e fa da madre surrogata per Andrea (seconda interprete di Becky, Sarah Chalke). E zia Jackie (Laurie Metcalf), ormai life coach, si lancia senza tregua in discussioni politiche con sua sorella Roseanne, sostenitrice di Donald Trump.

Negli Stati Uniti, la serie «Pappa e ciccia» ha avuto inizio il 27 marzo sull'emittente ABC. Ancora non si sa quando e su quale rete verrà trasmessa nel nostro paese.

Tornare alla home page