Alessandro Preziosi firma «La legge del terremoto»

CoverMedia

21.10.2020 - 16:33

Source: Covermedia

In occasione del 40esimo anno dal terremoto in Irpinia l'attore passa per la prima volta dietro la cinepresa realizzando un intenso documentario.

Se c'è un ricordo che rimarrà impresso a vita nella memoria di Alessandro Preziosi, è il terremoto avvenuto in Irpinia nel 1980.

Agghiaccianti momenti vissuti dall'attore, che all'epoca dei fatti aveva solo 6 anni, e ora tradotti nel suo primo documentario «La legge del terremoto». Realizzato come regista esordiente.

«Ricordo quel momento come una danza», racconta Alessandro Preziosi a Vanity Fair.

«Nella mia memoria è stato un attimo, un secondo. Ci siamo precipitato fuori di casa e una parte del palazzo non c’era più. Questo documentario è servito a dare una carta d’identità a quell’episodio e a farmi sentire un sopravvissuto».

Preziosi si cala così nei panni di regista, narratore e interprete del film - che rievoca i cataclisma del Belìce, colpito nel 1968, in Friuli, ad Assisi, a l’Aquila e Amatrice.

«L’idea di avvicinarmi a questo argomento mi è venuta nel 2018, quando, in occasione delle celebrazioni dei 50 anni dal sisma del Belìce, Sergio Mattarella mi fece presente quanto fosse importante il cinema civile», spiega Preziosi sulle pagine del magazine.

«In quel momento mi si è accesa una lampadina e mi sono chiesto: perché non provare a indagare quali sono le possibili metafore all’interno di una storia che ripercorre i nostri terremoti?».

Tornare alla home page

CoverMedia